Real e Barcellona contro al Bernabeu. Stasera Il “Clasico” numero 216

Real e Barcellona si sfidano per la 216/a volta nella Liga spagnolaSignore e signori, amiche ed amici, mettetevi comodi, non prendete impegni se li avete e se li avete presi rimandateli, stasera c’è Real-Barcellona. A Madrid, nel tempio del Bernabeu va in scena il “Clasico” della Liga spagnola numero 216.
Dopo l’uscita anticipata delle cugine di Manchester dalla Champions, Real e Barca si giocano la loro supersfida e scommettiamo che non mancheranno sguardi ironici tra le merengues e i blaugrana sull’amara sorte europea dei ragazzi di Sir Alex Ferguson e di quelli del Mancio. Senza di loro in Champions il cammino di Mou e Pep, avrà due avversari in meno.
Ecco invece questa sera il termine meno non sarà possibile pronunciarlo davanti e dentro al Bernabeu dove tutto sarà all’insegna del segno più. Più alta sarà la tecnica, invitata al Bernabeu per una sorta di anticipo natalizio delle prelibatezze del calcio: Messi, Ronaldo, Xavi, Xabi Alonso, Puyol, Sergio Ramos; il prossimo Pallone dOro sarà in campo stasera, la più parte della Spagna che ritroveremo il 10 giugno a Danzica, si esprimerà stasera.
Lo chiamano Clasico e ci fa venire in mente l’arte classica, un’insieme di equilibrio, perfezione, armonia. Siam sicuri che se i teorici dell’arte greca classica ed i loro autori, i vari Fidia, Skopas e loro adepti, se fossero ancora vivi, stasera non avrebbero dubbi e si godrebbero il clasico.
In fondo dentro il clasico ci sono due degli dei più classici della storia: c’è Dioniso, sempre sospinto da un bacchico furore, ben incarnato da Mourinho e c’è Apollo, luminoso ed algido, ben rappresentato da Guardiola. Allora quando Dioniso ed Apollo s’incontrano può davvero succedere di tutto.
Il Real se dovesse vincere potrebbe spiccare il volo andando a più 6. Siamo certi che Guardiola farà di tutto per cercare di spegnere le fiamme madrilene in fondo in fatto di luminarie la sua squadra è messa meglio che una metropoli adesso, prima del natale: è illuminata in ogni reparto e poi la luce si diffonde veloce, e poi a volte fa un calcio più veloce della stessa luce.
Ronaldo sembra seguire la sfrontatezza del suo mentore Mourinho, Messi invvece si accomoda contento, nello stile docile del suo papà Pep. Non stiamo più nella pelle, tra qualche ora sarà Real-Barca e la nostra pelle sarà sicuramente, pelle d’oca. Mettiamoci comodi. (Luca Savarese)

REAL MADRID (4-3-3): Casillas; Diarra, Pepe, Sergio Ramos, Marcelo, Khedira, Xabi Alonso, Coentrao, Di Maria, C. Ronaldo, Benzema. A disp: Adan, Arbeloa, Albiol, Callejon, Kakà, Ozil, Higuain. All. Mourinho.
BARCELLONA (4-3-3): Valdes; Dani Alves, Piquè, Puyol, Abidal, Xavi, Busquets, Iniesta, Messi, Fabregas, Villa. A disp: Pinto, Adriano, Mascherano, Keita, Thiago Alcantara, Pedro, Sanchez. All. Guardiola.

Speak Your Mind

*