Premier League: Risultati e Marcatori I Giornata. City indenne, super Chelsea, Liverpool beffato

La Premier League 2010-2011 inizia “a reti bianche” ma non senza emozioni. Infatti, nella gara inaugurale tra Tottenham e Manchester City, il punteggio resta sullo zero a zero ma lo spettacolo non manca assolutamente.
Un risultato, quello del “White Hart Lane” che va stretto, anzi strettissimo agli “Spurs“. Un palo colpito da Bale e un altro da Defoe si sono sommati ad alcuni interventi decisivi del portiere dei “CitizensHart e tutto ciò ha impedito alla formazione di Redknapp di “portare” a casa una vittoria, all’esordio, che sarebbe stata strameritata.
Fortunati, dunque, i ragazzi di Mancini, scesi in campo senza il neoacquisto Balotelli. Il Manchester City ha dimostrato di essere ancora poco squadra soprattutto di non avere ancora un gioco ben definito. Tanti gli innesti nuovi (Silva, Yaya Toure e Kolarov tra quelli che hanno esordito con la nuova maglia), ma di buono da salvare c’è solo il punticino, rimediato su un campo difficile e contro un’avversaria che sarà sicuramente protagonista del torneo inglese.
Nota positiva, nelle file dell’undici dell’Emirates, è stata la prestazione del biondo portiere Hart, sul quale ha puntato alla grande il tecnico jesino, e che lo ha ripagato con gli interessi, salvando il City a più riprese. Insomma, anche un eccellente elemento come Given può accomodarsi in panchina per lasciare spazio al collega.
Uno zero a zero ha aperto il sipario sulla Premier League, il primo goal dell’anno calcistico in Inghilterra è arrivato invece grazie a Kalinic, che al 14′ ha mandato al tappeto l’Everton, regalando il successo al Blackburn. Ma la grande sorpresa è giunta da quel di Wigan, dove il neopromosso Blackpool è passato come uno schiacciasassi sull’avversario. Roboante ed inaspettato 4-0 per la matricola (che fa impazzire i bookmakers): doppietta di Harewood dopo il gol di TaylorFletcher, poker completato da Baptiste.
Quattro schiaffi che in pochi si aspettavano, al contrario del facile tris dell’Aston Villa sul West Ham: apre Downing (rete viziata da un evidente posizione di offside), raddoppia il bulgaro Petrov, chiude Milner che potrebbe aver giocato l’ultima partita coi Villans, visto che è a un passo dall’essere un altro colpo della già sontuosa campagna acquisti condotta dal Manchester City.
Ora però, spazio a sua maestà Re Carlo che, da campione in carica, legittima questa posizione “sbranando”, sempre di sabato, il West Bromwich di Di Matteo, in un derby che dura sostanzialmente solo un tempo.
A Stamford Bridge, infatti, nella tana dei Blues, un istante prima dell’intervallo Carson e la barriera dei Baggies si fanno beffare dalla punizione di Drogba che vale il 2-0 dei londinesi. Era stato Malouda, invece, a rompere la situazione di equilibrio nei primi minuti del match.
Nella ripresa, poi, il Chelsea si dimostra implacabile e, grazie ad altre due firme del fuoriclasse ivoriano, a quella di capitan Lampard e al punto che vale la doppietta per il francese Malouda, Di Matteo torna dalla prima trasferta con “sei pallini” sulla schiena. Non poteva aspettarsi esordio peggiore.
Tutto questo, e molto altro, è andato in scena sabato. A Ferragosto invece, l’ex bianconero Poulsen neoacquisto del Liverpool assiste dalla tribuna di Anfield al finale tragico di una giornata che sembrava avere tutte le carte in regola per trasformarsi in una festa.
Deluso anche Roy Hodgson, neotecnico dei Reds (Benitez è volato a Milano dall’Inter per sostituire Mourinho), il quale aveva assaporato il gusto della vittoria fino a pochi secondi dalla scadere, contro l’Arsenal, quando il solito Pepe Reina, portiere della compagine di Liverpool, ha rovinato tutto con una papera clamorosa.
Sembrava fatta. Reds in vantaggio con un goal magnifico di Ngog, segnato nella ripresa con la squadra in dieci per l’espulsione di Joe Cole (brutto fallo e rosso diretto), e gara condotta comunque con sapienza nonostante l’uomo in meno. Al 90′ però è arrivata la doccia fredda per il Liverpool e per i tifosi, con Reina che si fa sfuggire un pallone facile facile, lasciando di stucco i compagni, l’allenatore e i tifosi. Wenger ringrazia e si porta a casa un punto ottimo e insperato a quel punto del match.
Stasera, nel “Monday Night“, è di scena l’altra big del calcio inglese, il Manchester United, che affronta il Newcastle. Ecco, di seguito, tutti i risultati, con i relativi marcatori:

Tottenham H. – Manchester City 0-0
Aston Villa – West Ham Utd 3-0
15′ Downing, 40′ Petrov, 66′ Milner
Blackburn R. – Everton 1-0
14′ Kalinic
Bolton W. – Fulham 0-0
Sunderland – Birmingham City 2-2
24′ rig. Bent D. (S), 56′ aut. Carr (B), 77′ Dann (B), 88′ Ridgewell (B)
Wigan – Blackpool 0-4
16′ Taylor-Fletcher, 38′, 43′ Harewood, 75′ Baptiste
Wolverhampton – Stoke City 2-1
37′ Jones (W), 39′ Fletcher (W), 55′ Faye (SC)
Chelsea – West Bromwich Albion 6-0
6′, 90′ Malouda, 45′, 55′, 68′ Drogba, 63′ Lampard
Liverpool – Arsenal 1-1
46′ Ngog (L), 90′ aut. Reina (L)
Manchester Utd – Newcastle –
Stasera ore 21.00

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*