Pari e spettacolo al Bernabeu tra Real e Barcellona. Retour match il 17

L’andata della Supercoppa spagnola, andata in scena domenica sera al Bernabeu tra Real Madrid e Barcellona, si chiude con un pirotecnico ed emozionante 2 a 2. Un risultato che favorisce i ragazzi di Guardiola, in vista del ritorno al Camp Nou, ma che va stretto però alle merengues, dominatrici del match nonostare il pari finale.
Soprattutto nel primo tempo, l’undici di Mourinho fa letteralmente girare la testa ai Campioni di Spagna e d’Europa, e al 9′ ci vuole un super Valdes per negare la gioia del goal al Real. Gran colpo di testa del francese Benzema, il portiere blaugrana si supera e salva la propria porta dalla capitolazione.
Appuntamento con il goal solamente rinviato di tre minuti: al 12′, infatti, il nazionale tedesco, di origine turca, Özil, buca la porta del Barcellona e porta i suoi in vantaggio. Nonostante l’uno a zero, continua martellante la pressione della formazione castillana che, soprattutto sul piano del gioco, surclassa gli avversari, sembrati davvero una provinciale e non i fenomeni ammirati in più di un’occasione.
Il bello (o il peggio) del calcio è che però, proprio nel momento di dominio dei blancos, con due tiri in porta la squadra di Guardiola ribalta il risultato e chiude sorprendentemente sopra la prima frazione. Il pareggio arriva con una magia di David Villa, il sorpasso è invce firmato dal fuoriclasse argentino Messi, con uno dei suoi colpi ormai celebri. Real al riposo sotto, immeritatamente.
Nella ripresa, i ritmi della squadra di casa non sono forsennati come quelli dei primi 45 minuti ma il 2-2, meritato, arriva lo stesso: la sigla su quello che sarà il risultao finale di quest’andata di Supercoppa è di Xabi Alonso al 53′.
Da questo momento in poi la partita scivola su binari più o meno tranquilli finché all’83’, si fanno vibranti le proteste del Real e di Mourinho per un calcio di rigore negato alla squadra in maglia bianca. il portiere del Barcellona da terra fa cadere Higuain che stava per raggiungere la palla, l’arbitro sorvola facendo infuriare lo Special One.
Fatto sta che dopo quest’episodio non accade più nulla: il Clasico, valevole questa volta come andata della Supercoppa spagnola, si chiude sul punteggio di 2-2 ma Guardiola, nonostante un pari vantaggioso, in vista del ritorno al Camp Nou, può stare sempre meno tranquillo, poichè il Real ha mostrato di avere grande fame di rivincita, dopo le cocenti delusioni dello scorso anno, compresa la “manita” subita proprio sul campo amico del Bernabeu.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*