Palermo: Pastore nel mirino di Moratti ma Zamparini resiste. Rossi in partenza, pronto Pioli

Mentre Pastore (che sia davvero lui non v’è certezza) scrive sulla sua pagina di facebook e di twitter che vincere la finale di Coppa Italia, in programma per domenica 29, sarebbe come realizzare un sogno, impazzano i responsabili di mercato dei maggiori team italiani, per accaparrarsi il giovane argentino, finito nel mirino di Inter, Juventus e Milan oltre che di Manchester City e Barcellona.
Bovo, difensore del Palermo e compagno di squadra di Pastore, fa sapere che Javier sta vivendo questo periodo con la massima serenità, senza lasciarsi influenzare da tutti i grandi club che lo stanno così strettamente corteggiando.
Zamparini per ora si tiene stretto il suo pupillo (“Resta al 50% ma spero che non se ne vada“) e commenta simpaticamente le dichiarazioni di Moratti, il cui interesse per l’argentino non stupisce nessuno, affermando che Pastore piaccia a tutti “anche a mia nonna e a mia cugina..”.
Il prezzo per portarsi a casa Pastore è alto, 30 milioni non basteranno per Zamparini, che ironizza dicendo che con quei soldi, si acquista solo il piede destro dell’argentino.
Tra le novità che cambieranno in casa del Palermo c’è anche quella, ormai nota, dell’ennesimo cambio panchina: a prescindere dal risultato in Coppa Italia, Delio Rossi darà il suo saluto (definitivo?) al club siciliano. Al suo posto si è fatto largo Pioli, seguito anche dalla Roma, la quale però vorrebbe un tecnico con più esperienza e con un bagaglio più internazionale di quello dell’attuale allenatore del Chievo.
Ma Pioli dovrà vedersela con la concorrenza, non così competitiva a quanto pare, perché Gasperini, contattato direttamente da Zamparini, avrebbe espresso una certa titubanza nel ricoprire il ruolo di allenatore del Palermo. (Paola Prina)

Speak Your Mind

*