Palermo e Cagliari riaprono la lotta al terzo posto. Genoa e Inter, continua la crisi.

Miccoli protagonista del successo del Palermo sulla LazioLe isolane riaccendono il campionato di Serie A. Infatti se lì davanti è lotta a due tra Milan e Juventus a contendersi già, nello scontro diretto di sabato prossimo, il primato definitivo in classifica, si riapre invece la lotta per il terzo posto. Con la pesante sconfitta serale di Palermo, la Lazio rimane ferma a quota 42 punti, raggiunta da un’Udinese sprecona e che, orfana di Totò Di Natale, non va oltre lo 0-0, tra le mura amiche del Friuli, contro un Cagliari che soffre ma resiste.
Nel pomeriggio, intanto, la Roma aveva superato di misura il Parma, con un gol del “solito” Borini, salendo al quinto posto ed avvicinando in classifica i biancocelesti. Ed ecco trovare lì tre squadre in quattro punti, con Napoli ed Inter subito dietro, aggrappate al gruppone.
Nonostante la brutta sconfitta di venerdì sera in casa contro il Bologna, l’Inter rimane in corsa per giocarsi l’ultimo posto per accedere in Champions League: infatti, pur non avendo raccolto punti nelle ultime tre giornate, i neroazzurri restano a quota 36, a due sole lunghezze dalla Roma e ad una dal Napoli.
Proprio contro il Napoli, però, domenica prossima potrebbe finire la stagione dell’Inter in campionato: infatti se usciranno battuti dal posticipo al San Paolo la spaccatura attuale di solo sei punti dalla terza potrebbe aumentare spegnendo qualsiasi possibile sogno di rimonta.
Intanto la squadra di Mazzarri è tornata a giocare un calcio più che convincente e dopo la vittoria 3-0 a Firenze di venerdì sera, aspetta, in un clima d’entusiasmo, il Chelsea del traballante Villas Boas in un’ottavo di finale di Champions League davvero infuocato.
Più indietro in classifica un Lecce Cosmico ha travolto 4-1 il Siena, sua diretta concorrente nella lotta per non retrocedere, staccando il Cesena, ultimo in classifica e sconfitto in casa dalla capolista della Serie A, il Milan, per 3-1, ed il Novara che pareggia al Piola contro un’Atalanta brava ma sfortunata. Da segnalare, infine, la vittoria esterna del Chievo, che grazie ad un gol del talentino francese Théréau supera il Genoa il quale esce da Marassi tra gli assordanti fischi di una tifoseria assolutamente scontenta (Mauro Giorgini).

Speak Your Mind

*