Mondiali, diamo i numeri. Italia 11 volte oltre il 90′, Germania 4 su 4 dal dischetto (II Parte)

Nelle 18 fasi finali della storia, si sono disputate 708 gare, con 551 vittorie, 157 pareggi e 2.063 reti segnate. La partita che detiene tuttora il record di gol è Austria – Svizzera 7-5 (1954). Il primo gol fu segnato al 19′ di Francia-Messico (4-1) dal francese Lucien Laurent il 13 Luglio 1930.
– 51 le gare prolungatesi ai supplementari, duranti i quali si sono segnate 54 reti “perdendo” 25 pareggi. Primatista l’Italia, 11 volte oltre il 90’: in 5 è arrivata la vittoria e solo in 1 la sconfitta. Nei 5 casi in cui al 120’ è rimasto il pari, per 4 volte si è andati ai rigori (1 vittoria, con la Francia nella finale di Berlino) ed in 1 alla ripetizione della gara (poi vinta sulla Spagna). Sono 20 invece le gare terminate ai rigori. Riepilogando: il record perfetto è della Germania, 4 vittorie su 4 ai rigori; se la sono giocata 4 volte dal dischetto anche Argentina (3 vittorie, una sconfitta), Francia (2/2) e Italia (1/3); solo all’Inghilterra è andata peggio che agli azzurri, con 3 sconfitte su 3.
Brasile e Germania sono le nazionali ad aver disputato più partite in una fase finale, 92 gare, incrociandosi solo 1 volta (finale 2002); ma gli europei hanno giocato più minuti, grazie a 3 gare (9-6) in più andate ai supplementari.
– Il Brasile è a buon titolo la miglior formazione delle fasi finali: ha la miglior percentuale di vittorie (69,6%), di sconfitte (15,2%), di punti conquistati (77,1%), oltre alla migliore differenza reti media (+1,24) e quoziente reti (2,39).
– Contando i risultati al 90’, il Senegal è ancora imbattuto (in 5 gare) avendo perso solo contro la Turchia ma al golden goal.
– 19 (Angola, Bolivia, Canada, Cina, Egitto, El Salvador, Emirati Arabi, Grecia, Haiti, Honduras, Indie Olandesi, Iraq, Israele, Kuwait, Nuova Zelanda, Slovenia, Trinidad & Tobago, Togo e Zaire) le squadre che devono ancora vincere una gara: peggio di tutte Bolivia ed El Salvador, ancora a quota 0 in 6 tentativi.
– 12 le squadre che hanno sempre perso: ancora una volta l’El Salvador è peggio di tutte, col maggior numero di gare giocate senza raccogliere punti.
– Il miglior attacco è quello ungherese capace di segnare 2,69 reti a gara. Non per niente i magiari vantano 2 delle 3 vittorie col più largo margine: 9-0 alla Corea nel 1954 e 10-1 all’El Salvador nel 1982 (completa il 9-0 di Iugoslavia-Zaire del 1974). 6 le nazionali ancora a secco.
– Abbastanza curiose le migliori difese: primatista l’Angola con 0,67 reti subite a gara, seguita dall’Irlanda (0,73) e dal Galles (0,80). L’Italia è 7ª (0,86); in generale solo 9 nazionali hanno subito meno di una rete a gara.
– L’Indonesia è la groviera delle fasi finali, a causa dello 0-6 subito nell’unica gara fin qui disputata (come Indie Olandesi). Seguono Haiti e Congo Democratico (ex Zaire) con 4,67 perforazioni a gara.
– Il Brasile vanta la miglior striscia di vittorie consecutive (11) fra il 2002 ed il 2006, che gli è valsa un titolo: tutte le affermazioni sono fra l’altro arrivate entro il 90’.
– Dall’altra parte, il Messico ha perso per 9 gare di fila, dall’esordio e fino all’1-1 col Galles del 1958, con rete di Belmonte all’89’.
– Il Brasile ha anche la miglior serie positiva, con 13 gare senza sconfitte (solo 2 pari), raggiunta nelle due vittoriose campagne di Svezia 1958 e Cile 1962, ed interrottasi nella seconda gara di Inghilterra 1966. Tuttavia, contando solo i risultati al 90’, è la Germania a vantare la striscia migliore con 14 gare, iniziata dal 5-0 alla Svizzera nel 1966 ed interrotta dallo 0-1 con la Germania Est nel 1974. In tale intervallo fu sconfitta due volte, ma sempre ai supplementari, dall’Inghilterra (finale 1966) e dall’Italia (semifinale 1970).
– La Bulgaria ha dovuto pazientare 17 gare prima di vedere la vittoria, ovvero dal suo esordio fino al secco 4-0 alla Grecia ad USA 94.
– Se il Belgio ha pareggiato per 5 volte di fila (1998-2002), la Germania ha infilato 17 gare o vincendo o perdendo (1962-1974), anche se in 3 casi si è servita dei supplementari per dirimere la parità. Al 90’ la serie più lunga è del Portogallo, che ha conosciuto la sua prima (ed unica) divisione della posta nei quarti di finale del 2006 coll’Inghilterra.
– Germania e Brasile sono andate a segno per 18 volte di fila. I tedeschi fecero 58 reti prima di impattare 0-0 coll’Italia nel 1962, i brasiliani solo 53 poi fermatisi anch’essi per 0-0 con l’Inghilterra nel 1958.
– Viceversa, la Svizzera ha subito reti per 22 gare di fila, le sue prime gare fra l’altro, riuscendo per la prima volta a mantenere imbattuta la propria porta contro la Francia nello 0-0 del 2006. Fra l’altro in quel torneo non subì reti, diventando la prima nazionale a terminare una fase finale colla porta immacolata (battuta ai rigori dall’Ucraina).
– Gli Azzurri non hanno subito reti per 5 gare consecutive, le prime di Italia ’90: in semifinale Caniggia interruppe la serie. Al contrario, la Bolivia è rimasta a secco per 5 gare, andando a segno solo alla sua sesta (ed ultima) gara grazie ad un’autorete dello spagnolo Voro.
– Singolari le vicende dei pareggi col maggior numero di reti. Primato che spetta al 4-4 di Inghilterra-Belgio del 1954. Tuttavia, pur essendo una gara di girone, per la particolare formula dell’epoca, tale risultato fu conseguito dopo i supplementari, dato che al 90’ si era fermi sul 3-3. Senza i prolungamenti è sempre un 4-4 il pareggio record, raggiunto da Brasile-Polonia del 1938, gara ad eliminazione diretta e quindi prolungatasi ai supplementari fino al 6-5 finale per i sudamericani.

Maggior numero di partite vinte: 64 Brasile

Maggior numero di partite pareggiate: 19 Italia, Germania (comprese quelle finite ai rigori).

Partite vinte consecutive (singola edizione): 7 Brasile (2002, tutte le partite)

Partite senza sconfitte (edizioni consecutive): 13 Brasile (6 nel 1958, 6 nel 1962, 1 nel 1966)

Partite vinte consecutive (più edizioni): 11 Brasile (7 nel 2002, 4 nel 2006)

Reti totali segnate: 201 Brasile

Reti totali subite: 112 Germania.

Reti subite in una singola edizione: 16 Corea del Sud (1954, 9 con l’Ungheria e 7 con la Turchia)

Reti segnate in una singola edizione: 27 Ungheria (1954, in 5 partite)

Reti subite in una singola partita: 10 El Salvador (1982, Ungheria-El Salvador 10-1, II Girone)

Reti segnate in una singola partita: 10 Ungheria (1982, Ungheria-El Salvador 10-1, II Girone)

Speak Your Mind

*