Mondiali 2010, Semifinali: Germania-Spagna 0-1. Pujol manda a casa i tedeschi, è finale con l’Olanda

1 a 0, ancora, come nella finale di Euro 2008. Niente vendetta, dunque, per la Germania che fallisce l’esame di maturità e cade in semifinale contro una Spagna meravigliosa, trionfatrice grazie alla firma del 32enne centrale del Barcellona, Carles Puyol. Le Furie Rosse liquidano, con merito, la pratica tedesca e si preparano a vivere per la prima volta la finale di un Campionato del Mondo. Appuntamento domenica sera, a Johannesburg, contro l’Olanda. Comunque vada, sarà la prima storica gioia per una nazione…
Anche questa volta il polpo Paul aveva ragione. Il tentacolato aveva detto chiaramente: la Spagna batte la Germania e va in finale. E così è stato. Ma, oltre alla bravura del gioco iberico, anche la formazione di Loew ci ha messo tanto del suo per spianare la strada alle Furie Rosse.
La squadra di Loew (ricordiamo priva di Muller), dopo aver impallinato Inghilterra e Argentina cade nel momento topico del Mondiale. Ieri non è entrata mai realmente in partita e per l’undici di Del Bosque, abitutato a far girar palla e a “non farla mai vedere” all’avversario, è stato davvero un gioco da ragazzi condurre in porto la gara.
Passando al calcio giocato, dopo un primo tempo senza emozioni clamorose, la ripresa offre uno spettacolo diverso, e di grande qualità. Prima palla goal, per gli iberici, dopo 4 giri d’orologio: Xavi scarica per Xabi Alonso che prova la conclusione, palla fuori di un nulla
La Germania, però, non resta a guardare e prova a reagire. Klose ed Ozil spaventano Casillas, bravo in un paio di conclusioni. Ma sono solo lampi nel grigiore generale tedesco e la Spagna si rende ancora pericolosissima.
Al 58′ gran tiro di Pedro (altro giovanissimo talento del Barcellona) da fuori, Neuer ci mette i guanti, sulla respinta arriva Iniesta che la mette sul secondo palo, ma non c’è nessuno pronto per il tap-in. Occasione clamorosa.
Si arriva così al minuto 75: calcio d’angolo per la Spagna. Salgono tutti a saltare. La Germania prova a coprire tutti gli spazi. Parte il cross, stacca Puyol e la palla finisce in rete. 1 a 0 per il team di Del Bosque e Panzer al tappeto.
La Germania attacca, nel tentativo di riequilibrare il punteggio, ma si espone ai contropiede della Spagna che fallisce una clamorosa occasione all’82’. Liberissimo in contropiede, Pedro vede Torres che è solo ma non gliela passa e viene chiuso dai difensori tedeschi. Egoista.
Trascorrono altri interminabili secondi, Loew le prova tutte, compresa la carta Gomez, al posto di Khedira ma la musica per i tedeschi non cambia. Così come il punteggio che, al fischio finale di Kassai, diventa defnitivo. Germania a casa, Spagna in finale. Per la prima volta.

GERMANBIA-SPAGNA 0-1
GERMANIA:
1-Manuel Neuer; 16-Philipp Lahm, 3-Arne Friedrich, 17-Per Mertesacker, 20-Jerome Boateng (52′ Jansen), 15-Piotr Trochowski (62′ Kroos), 6-Sami Khedira (80′ Gomes), 7-Bastian Schweinsteiger, 10-Lukas Podolski, 8-Mesut Ozil, 11-Miroslav Klose. Ct.: Loew.
SPAGNA: 1-Iker Casillas; 15-Sergio Ramos, 3-Gerard Pique, 5-Carles Puyol, 11-Joan Capdevila; 14-Xabi Alonso (93′ Marchena), 8-Xavi, 6-Andres Iniesta, 16-Sergio Busquets; 18-Pedro (85′ Silva), 7-David Villa (81′ Torres). Ct.: Del Bosque.
ARBITRO: Viktor Kassai (UNG).
MARCATORE: 73′ Puyol (S).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*