Mondiali 2010: Forlan miglior giocatore, Mueller principe dei bomber. E Casillas è il numero uno

L’Uruguay è arrivato “solamente” quarto, a causa della sconfitta rimediata nella finalina contro la Germania (3 a 2 il punteggio finale), ma il ko non cancella assolutamente l’ottimo Mondiale disputato dalla Celeste di Tabarez.
A simboleggiare questa positivissima avventura è stato, senza dubbio, il trascinatore della formazione sudamericana, l’attaccante dei “colchoneros”, Diego Forlan che, per i meriti dimostrati (cinque reti e prestazioni pazzesche) nel cammino in questa manifestazione, e’ stato eletto miglior giocatore del Mondiale.
Grande riconoscimento per il biondo puntero della nazionale uruguagia, che è risultato il più votato dai giornalisti accreditati in Sudafrica (oltre il 23% dei consensi). Forlan ha messo in riga il fuoriclasse dell’Olanda e dell’Inter Wesley Sneijder (21’8%) e uno dei bomber principi di questo Mondiale, lo spagnolo David Villa (16,9%), autore di cinque reti proprio insieme all’Orange, all’uruguagio e al tedesco Mueller (capocannoniere finale del torneo, per minuti giocati e assist, 3, dispensati nelle esibizioni con la nazionale di Loew).
Due importanti premi vanno, naturalmente, alla Spagna di Del Bosque, trionfatrice finale. La nazionale iberica è stata eletta la più “corretta” (premio Fair Play) mentre al portiere del Real, Iker Casillas, uno dei grandi protagonisti nella finale disputata ieri sera, contro l’Olanda, è stato conferito il premio come miglior numero uno della competizione sudafricana.

CLASSIFICA MARCATORI (MONDIALE 2010):

5 reti: Villa (Spagna), Sneijder (Olanda), Mueller (Germania), Forlan (Uruguay).

4 reti: Higuain (Argentina); Vittek (Slovacchia-1 rigore); Klose (Germania).

3 reti: Luis Fabiano (Brasile) Gyan (Ghana-2); Suarez (Uruguay); Donovan Usa-1).

2 reti: Tevez (Argentina); Holman (Australia); Elano e Robinho (Brasile); Etòo (Camerun); Lee Jung Soo e Lee Chung Yong (Corea del Sud); Podolski (Germania); Honda (Giappone); Hernandez (Messico); Uche (Nigeria), Robben (Olanda), Thiago (Portogallo); Iniesta (Spagna).

1 rete: Heinze, De Michelis e Palermo (Argentina); Cahill (Australia); Maicon e Juan (Brasile); Beausejour, Gonzales e Millar (Cile); Ji Yun-nam (Corea del Nord); Park Ji-sung, Park Chu Young (Corea del Sud); Drogba, Y. Touré, Romaric e Calou (Costa d’Avorio); Bendtner, Rommedahl e Tomasson (Danimarca); Malouda (Francia); Cacau, Ozil, Friederich, Jansen e Khedira (Germania); Boateng e Muntari (Ghana); Endo, Okazaki (Giappone); Salpingidis e Torosidis (Grecia); Gerrard, Defoe e Upson (Inghilterra); De Rossi, Iaquinta (rig.), Di Natale e Quagliarella (Italia); Marquez e Blanco (1) (Messico); Yakubu (Nigeria); Reid e Smeltz (Nuova Zelanda); Kuyt, Van Persie, Huntelaar e Van Bronckhorst (Olanda); Alcaraz, Vera e Riveros (Paraguay); Almeida, Hugo, Liedson,Simao, Raul Meireles e Ronaldo (Portogallo) Jovanovic e Pantelic (Serbia); Kopunek (Slovacchia); Koren, Birsa e Ljubijankic (Slovenia); Puyol (Spagna); Khumalo, Mphela e Tshabalala (Sudafrica); Fernandes (Svizzera); A. Pereira, M. Pereira e Cavani (Uruguay); Dempsey e Bradley (Usa).

1 autorete: Park Chu Young (Corea del Sud); Agger (Danimarca).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*