Messi, il superuomo del calcio. 202 volte in gol con il Barca a soli 24 anni

Barcellona, Messi supera i 200 goals con i blaugranaLionel Messi, diciamocelo chiaramente, non è un calciatore, non è neanche un giocatore, sottolineando con questa seconda espressione, un minor sforzo muscolare ed una maggiore vena artistica ma, è una macchina di perfezione futbolistica data in regalo al gioco del calcio dall’Argentina.
Il ragazzo di Rosario (è classe 1987) è arrivato al gol numero 202 con la maglia del Barcellona. Non il numero cento che, già sarebbe stato un gran peana ma il numero 202, qualcosa di incommensurabile, come il suo talento. Bravissima pulce quindi che segni in tutte le salse, che fai della salsa del gol dei preziosi sughetti per delle partite che così diventano vere e proprie poesie.
Morti son tutti gli dei: ora vogliamo che il superuomo viva proclama Nietzsche in Così parlò Zarathustra. Anche davanti a Lionel è così: morti son tutti gli dei, tutte cioè quelle tribù che hanno cercato di fermarlo: difensori, portieri, allenatori, critici sono loro malgrado finiti, trafitti e vinti dall’eleganza grintosa e dalla grinta raffinata dell’argentino che segna in ogni modo, in ogni partita, contro ogni squadra.
E lo chiamano pulce, non si è mai vista una pulce che assomiglia così tanto ad un leone ed infatti si chiama Lionel , piccolo leone, avercene di questi piccoli leoni. Ti cambiano il calcio, sono rarissimi. I numeri per questa pulce-leone non sembrano aver tanta importanza, sono come dei birilli di un personalissimo bowling dove l’abbatterli è un gran bel divertimento.
Lionel è super perchè ha dalla sua una semplicità da bambino che si sta divertendo un mondo in quello che fa e vorrebbe farlo per sempre. L’ultimo triennio per lui, dal 2008-2009 ad oggi, è stato sublime: in 176 gare ha fatto 160 centri. Nella storia nobile del Barça è ora secondo, dietro a Cesar Rodriguez che, tra gli anni ’40 e ’50  fece 235 gol. Lionel in pochi anni ne ha già fatti 202: dal primo, nel maggio 2005 contro l’Albacete alla tripletta scaccia Plzen.
Superuomo del calcio, hai ancora una vita per fare altri record, per mettere in discussione i già tuoi numeri stratosferici: ma a te non interessa, a te interessa divertirti, come facevi a Rosario in un campetto di ghiaia e polvere, di sinistro cercando con un pallone di dettar legge. Ora il mondo contempla la tua legislazione che ha reinventato il futebol, semplicemente andando in porta con la palla: sono caduti tanti e tanti ne cadranno, vogliamo che il tuo superuomo continui a vivere, con un piccolo segreto che anche questo è poi chiaro come una delle tue serpentine ammazza partite: sei super proprio perchè sei rimasto tu, te stesso, Lionel Messi, nessuna montatura. Buona vendemmia di gol superuomo del calcio (Luca Savarese)

Speak Your Mind

*