Manita del Barcellona al Villareal. Prima firma in blaugrana per Alexis Sanchez

Stesso allenatore, stesso risultato, Pep Guardiola è il legame vincente della squadra più forte del pianeta calcio. L’altra sera al Camp Nou il Barcellona ha dominato, stravolto, stregato, impietrito gli avversari del Villarreal, praticamente inesistenti, mai con un possesso palla che andasse oltre i tre, quattro passaggi.
Un’altra “manita” è stata servita dai blaugrana, che si sono presentati in campo con un modulo inedito, un 3-4-3 che non ha cambiato le carte in tavola: 5-0 e tanti saluti a Rossi e compagni.
Il primo a sfiorare il goal è stato Busquets con una traversa al 17’, facendo tremare da subito la formazione di Garrido, che è sembrata una squadra di Serie B, ma che giocherà in Champions League quest’anno, e dopo il Barça, il Real Madrid e il Valencia è un’altra delle big della Liga.
Ma che cosa si può fare se Fabregas, appena arrivato, non può più mancare la rete?. Così fa al 45’, facendo eco al primo goal segnato al 25’ da Thiago Alcantara.
Alexis è il nome che ha scelto per l’avventura catalana, Sanchez è il nome con cui lo rimpiangiamo in Italia, ma la sostanza è sempre la stessa e così il “niño maravilla” ha segnato il suo primo goal con il Barcellona a pochi minuti dalla ripresa. (47’)
Finché a chiudere la partita, infondo mai aperta per il Villarreal, ci ha pensato il migliore di tutti: super Messi infiamma due volte il Camp Nou, prima al 51’ e infine al 74’.
E adesso chi glielo spiega a Mourinho che il Barcellona non si è ancora stancato di vincere? (Paola Prina)

Speak Your Mind

*