L’Ucraina di Sheva non si ripete, vola la Francia con la coppia gol Menez-Cabaye

Lampi e fulmini prima e durante Ucraina-Francia (gara sospesa da Kuipers dopo 5 minuti e ripresa alle 19 a causa del nubifragio abbattutosi su Donetsk) non fermano i ragazzi di Blanc che, grazie ad un uno-due firmato Menez-Cabaye, piegano l’Ucraina di Shevchenko (migliore dei gialli di Blokhin nonostante la sconfitta, ndr), sconfitta dopo l’exploit dell’esordio con vittoria sulla Svezia.
Un’altra Francia dopo il pari senza troppe emozioni con l’Inghilterra. Ribery e compagni disputano un’ottima gara e nella ripresa, con gli acuti del parigino Menez (l’ex giallorosso milita ora nel Psg di Ancelotti) e dell'”inglese” (gioca nel Newcastle, ndr) Cabaye, ispirati da un superbo Benzema, i “galletti” gelano i padroni di casa e si portano in vetta con 4 punti, mentre l’Ucraina resta a quota 3 ma sempre in corsa per il passaggio del turno.
Dopo quasi un’ora di stop forzato (che ha costretto a posticipare di quindici minuti Svezia-Inghilterra), si riprende e la Francia si rende pericolosa in più di una circostanza: decisivo più volte il portiere ucraino Pyatov che compie degli interventi prodigiosi dapprima su Menez e poi sull’incornata imperiosa di Mexes. Dall’altro lato è sempre Shevchenko, solo contro tutti, a sfiorare il palo, dopo un bel controllo di testa, e a lambire l’incrocio con una conclusione da fuori. Il punteggio però non cambia e all’intervallo è 0 a 0.
L’accelerazione nella ripresa, è tutta di marca francese ed è micidiale. All’8′ contropiede fulmineo orchestrato da Ribery, palla a Benzema che smista immediatamente su Menez, abile poi a trafiggere Pyatov con un mancino secco e preciso. Altri tre minuti e la Francia raddoppia, chiudendo l’incontro. Ancora protagonista Benzema che funge da terminale avanzato ma soprattutto, in quest’occasione, da assistman e palla bellissima del giocatore di Mourinho per Cabaye. Il talentuoso giocatore del Newcastle controlla e tira, Pyatov è battuto per la seconda volta.
Il raddoppio stende l’Ucraina che fatica a reagire (pochi i pericoli creati dalle parti di Lloris), nonostante grande determinazione, e deve arrendersi al verdetto del campo. Anzi, nel finale, rischia di subire più volte il 3 a 0, soprattutto quando lo scatenato Cabaye la cui conclusione colpisce in pieno il montante.
Con questa vittoria, ottenuta con merito, la Francia si porta in testa al Gruppo D con quattro punti, mentre l’Ucraina resta a tre. Ma tutto resta in ballo, in attesa del risultato di Svezia-Inghilterra e dell’ultima giornata.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*