L’Italia risponde al Brasile. Pirlo-Balotelli, domato il Messico

Mario BalotelliNel ristrutturato Maracanà di Rio de Janeiro inizia con il sorriso l’avventura, in Confederations Cup, dell’Italia di Prandelli. Il team azzurro, infatti, piega per 2 a 1 il Messico e risponde così al Brasile, padrone di casa, che aveva travolto 3 a 0 il Giappone nella gara inaugurale del Girone A.
Una prodezza di Pirlo, su punizione (prima rete in assoluto dell’Italia calcistica nel tempio brasiliano che si emozionato alle finte e ai dribbling di Garrincha, alle giocate di Zico e che ha visto Pelè segnare il suo millesimo gol, ndr), alla sua 100/a presenza in azzurro, regala il vantaggio alla nazionale di Prandelli.
Messico che accusa il colpo e per alcuni istanti sembra sul punto di cadere ancora, ma al 34′ un ingenuo Barzagli si lascia scappare Dos Santos, steso poi in area dal difensore juventino. Rigore, ineccepibile e giallo per il difensore azzurro. Dal dischetto, il “ChicharitoHernandez non tradisce e firma la sua 32/a rete in 50 gare con la maglia della nazionale (mica male!).
L’Italia però c’è e lo dimostra nella ripresa con altre occasioni fallite di un soffio e con quella, invece, finalizzata in maniera vincente da Mario Balotelli. Al 33′ il discusso centravanti insacca la sfera con una zampata felina e regala agli azzurri oltre che lo spettacolare fisico (giallo anche per lui per essersi tolto la maglia, ndr) soprattutto i primi tre punti nella Confederations Cup. Bene così.

Speak Your Mind

*