L’Italia di Di Biagio esce sconfitta, Spagna in finale contro la Germania

L'Italia sbatte contro Saul, Spagna in finaleFinisce in semifinale il sogno dell’Under 21 di Di Biagio, sconfitta per 3 a 1 dalla Spagna. Mattatore della serata Saul Niguez, autore di una strepitosa tripletta, nella ripresa, che rende di fatto inutile il momentaneo pari degli azzurri, realizzato da Bernardeschi. In 10 uomini (espulso Gagliardini), infatti, l’Italia riesce a pareggiare i conti una prima volta ma poi cade sotto i colpi delle Furie Rosse che volano alla finalissima con la Germania, vittoriosa ai rigori contro l’Inghilterra.
Senza Conti e Berardi, squalificati, ma con Calabria sulla destra e Chiesa nel tridente completato da Petagna (negativa la sua gara, ndr) e Bernardeschi, l’Italia parte benissimo e al 3′ costruisce la prima occasione della sua gara. Sulla sinistra Chiesa supera con un guizzo Bellerin ma poi calcia tra le braccia di Kepa che non deve faticare per bloccare la conclusione del fiorentino.
E’ l’ex Milan, Deulofeu, a rispondere prontamente per gli iberici, ma la sua conclusione finisce sull’esterno della rete. Ancora lui, al 20′, cerca di creare problemi a Donnarumma che però è attento ed efficace nell’occasione.
L’Italia ribatte colpo su colpo alla Spagna, creando anche diversi pericoli dalle parti di Kepa, ma senza trovare l’assolo vincente. In chiusura di primo tempo ci prova anche il gigante triestino, Petagna, ma il portiere spagnolo para senza problemi.
Nella ripresa cambia tutto. Saul Niguez si scatena e la Spagna indirizza la vittoria dalle parti di Madrid. Il centrocampista del Betis, Ceballos, spina nel fianco azzurro, parte dalla sinistra, si porta al centro e pesca Saul che dal limite dell’area supera un Donnarumma poco reattivo nella circostanza.
Gagliardini, con un secondo ingenuo fallo e giallo conseguente, complica ancora di più i piani di rimonta dell’Italia di Di Biagio che, però, non molla e ritrova coraggio grazie alla rete di Bernardeschi. Il fantasista viola fa tutto da solo e, complice una deviazione, batte Kepa, il quale tocca la sfera ma non tanto da impedire alla stessa di finire la sua corsa in rete.
E’ una gioia effimera, però. Poco dopo, ancora Saul (che nell’Atletico gioca come mediano davanti alla difesa, e quindi non avvezzo a segnare, ndr), grande protagonista del match, con una bordata da fuori area fa secco Donnarumma. L’Italia accusa il colpo e la Spagna inferisce trovando il definitivo 3 a 1. Dopo due tentativi di Deulofeu e Asensio, è ancora Saul a firmare il gol iberico, che gli vale una indimenticabile tripletta.
L’Italia torna a casa, la Spagna invece vola in finale contro la Germania.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

18total visits,1visits today

Speak Your Mind

*