Lazio bella a metà, poi ci pensa un Totti da leggenda. Juve corsara a Napoli e a +3

Totti sigla una doppietta e si fa un selfie sotto la SudFinisce in parità, 2 a 2, il derby capitolino di Serie A. La Lazio vola avanti di due reti con Mauri e Felipe Anderson, sfruttando un primo tempo da favola, poi però nella ripresa la Roma reagisce e trova il pari grazie alla doppietta di Francesco Totti, che diventa recordman nelle stracittadine con 11 reti (superati Delvecchio e Da Costa a 9) e arriva in totale a quota 239.
Primo tempo da incubo per i giallorossi, quasi mai in gara. La Lazio invece è in palla e trova dapprima l’uno a zero con capitan Mauri, e poi il raddoppio con il personaggio del momento, il brasiliano Anderson, giocatore di grandissima qualità. Suo il sinistro che brucia De Sanctis e regala il doppio vantaggio ai biancocelesti.
Si apre la ripresa, però, e con Strootman e Ljajic al posto di Florenzi e Nainggolan la Roma reagisce immediatamente. Proprio l’olandese serve la palla giusta a Totti che con il destro non sbaglia. Passano altri minuti e i giallorossi completano la rimonta: Holebas assiste ancora il capitano giallorosso che in semirovesciata, con coordinazione perfetta, fredda Marchetti e vola sotto la Sud (facendosi anche un selfie per festeggiare, ndr).
Iturbe mette paura a Marchetti con una sassata da distanza siderale, poi nel finale un erroraccio di Maicon spiana la strada ai biancocelesti ma De Sanctis è miracoloso nella respinta su Klose. 2 a 2 e Roma momentaneamente a 40 insieme alla Juventus.
A Napoli, però, dopo 14 anni, esce il segno 2 con la Juventus che festeggia una vittoria importantissima grazie al 3 a 1 finale, riportandosi avanti sui giallorossi. Gara emozionante, iniziata con la gemma di Pogba dell’1 a 0 e proseguita con il pari di Britos. Ma, all’interno del match anche tante polemiche scaturite soprattutto in occasione del fondamentale 2 a 1 bianconero realizzato in posizione di offside (di partenza) da Caceres.
Zapata getta alle ortiche il regalo di un disastroso Ogbonna, ricevendo persino il giallo per simulazione, Higuain trova Bonucci a immolarsi sulla conclusione a colpo sicuro e poi, negli ultimi istanti dei 6 minuti di recupero, Vidal la chiude in contropiede, sfruttando l’assist di Morata. Juventus campione dinverno e a +3 sulla Roma.

Speak Your Mind

*