Lampard restituisce il sorriso al Chelsea. Autogol di Brown, Ferguson festeggia 25 anni di United

25 anni di United per Alex FergusonAl San James Park i Magpies non deludono le aspettative e vincono di nuovo, confermandosi gran bella sorpresa della Premier League. A sbloccare il risultato è un autogol di Heitinga che porta in vantaggio il Newcastle, Taylor firma il raddoppio, Rodwell riapre la partita per i Toffees con un bel gol dai 25 metri ma non basta per poter raggiungere il pari. Brindisi Newcastle.
All’Emirates l’Arsenal ospitava il West Brom. Partenza sprinta, come da previsioni, per i Gunners e, ancora lui, Robin Van Persie, sblocca il punteggio per i londinesi al 22’. Vermaelen firma il raddoppio prima della fine del primo tempo. La gara non subisce grandi cambiamenti nella ripresa, se non quando arriva il tris finale dello spagnolo Arteta che chiude definitivamente i giochi e rispedisce al mittente il West Bromwich.
Al Villa Park si può definire la partita con un solo vocabolo: “spettacolo’. Infatti, l’Aston Villa, che ospitava il Norwich, subisce il sorprendente 0 a 1 al 26’, a firma di Pilkington ma la reazione dei ragazzi di Mcleish non tarda ad arrivare e Bent firma il pari cinque minuti dopo il gol della compagine ospite. La scatenata banda di casa insiste anche nella ripresa e, dapprima passa in vantaggio con  Agbonlahor, poi chiude la questione ancora con un Bent in serata di grazia. Morrison prova a riaprire la contesa  al 77’ con un bel gol che, tuttavia, non basta per ottenere punti al Villa Park.
All’Ewood Park il Chelsea ritorna alla vittoria in Premier League battendo il Blackburn di misura. Non esaltante la prova della corazzata di Villas Boas, ma alla fine conta il risultato e a decidere l’incontro è il carismatico centrocampista Frank Lampard che, sul cross di Ivanovic, fulmina il portiere dei Rovers.
All’Anfield Road il Liverpool aveva la possibilità di fare bottino pieno ma una grande Swansea è riuscito a ottenre un punto che sulla carta sembrava davvero insperato. I Reds falliscono clamorose occasioni, soprattutto con il centravanti Andy Carroll, gli ospiti invece punzecchiano la difesa del Liverpool senza produrre danni seri e quindi lo 0 a 0 si rivela il risultato più giusto.
Sir Alex Ferguson festeggia i suoi 25 anni alla guida del Manchester United con una vittoria. Il regalo arriva direttamente da uno sfortunato autogol di un suo ex giocatore, all’interno di una partita dominata dai Red Devils. Parliamo di Wes Brown (ex difensore centrale della corazzata di Sir Alex per tanti anni), ora al Sunderland. Finisce 1 a 0 per i Red Devils che sembrano aver ritrovato lo smalto dei tempi migliori.
Proprio il City, infine, non aveva una partita facile, infatti si presentava in casa dell’insidioso QPR, giustiziere qualche settimana fa del Chelsea; E così è stato, poichè sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio con Bothroyd (28 presenze e 5 reti tra il 2003 e il 2005 con il Perugia), rete recuperata prima della fine del primo tempo grazie al bomber bosniaco Dzeko. Nella ripresa al 52’ Silva porta in vantaggio il City che poi però si fa recuperare 17 minuti dopo da Helguson, ma nel momentro migliore degli Hoops, il team del “Mancio” si porta in vantaggio con il centrocampista Yaya Tourè che chiude defintivamente il match grazie ad una zampata maligna, e vincente, su calcio d’angolo.

I Risultati del sabato di Premier League:
NEWCASTLE – EVERTON 2-1 [Heintinga (aut) 12”, Taylor 29” (n), Rodwell 45+2” (e)]
ASTON VILLA – NORWICH 3-2 [Pilkington 25” (n), Bent 30”, Angobonlahor 48”, Bent 62” (av), Morrison 77” (n)]
BLACKBURN – CHELSEA 0-1 [Lampard 51”]
LIVERPOOL – SWANSEA 0-0
MANCHESTER UNITED – SUNDERLAND 1-0 [Brown (aut) 45+1]
ARSENAL – WEST BROM 3-0 [Van Persie 22”, Vermaelen 39”, Arteta 74”]
QPR – MANCHESTER CITY 2-3 [Bothroyd 28” (qpr), Dzeko 43”, Silva 52” (mc), Helguson 68” (qpr), Yaya Tourè 74” (mc)]

PROGRAMMA DELLA DOMENICA:
Wolverhampton – Wigan (14:30)
Bolton – Stoke City (16)
Fulham – Tottenham (17)

Speak Your Mind

*