La Spagna asfalta l’Irlanda del Trap che torna a casa. Poker iberico, doppietta per Torres

Torres protagonista del poker spagnolo90 minuti di agonia per l’Irlanda di Trapattoni, che rimedia la seconda sconfitta in altrettante partite e l’eliminazione dal torneo (prima squadra a tornare a casa), due tempi di puro spettacolo e goals per la Spagna di Del Bosque, campione d’Europa e del Mondo in carica, che trita i modesti avversari per 4 a 0 e si porta a quota 4 con la Croazia ma con una differenza reti migliore (+4 contro +2 degli slavi, ndr).
La Spagna esagera, con la doppietta di un ritrovato Torres (destro violento nei primi minuti, stoccata precisa nella ripresa), e le reti di David Silva e un rabbioso Fabregas (che evidentemente non aveva gradito la partenza dalla panchina), l’Irlanda, nonostante lo spirito indomito e il grande orgoglio, non può nulla contro le Furie Rosse e l’unico pericolo, portato verso la porta di Casillas, arriva con un tiro del vecchio Robbie Keane sul 3 a 0.
Torna a casa il Trap, che chiuderà questo girone con la sfida tutta italiana contro gli azzurri di Prandelli, prosegue, invece, in maniera energica e entusiasta, la corsa della Spagna che, ora, ha l’occasione d’ipotecare il passaggio del turno contro la Croazia, la quale nel pomeriggio di ieri ha stoppato l’Italia, in rimonta, sull’1 a 1, gelando i 3mila tifosi accorsi a Poznan.
Un 2 a 2, inoltre, tra i ragazzi di del Bosque e quelli di Bilic, porterebbe dritti nei quarti entrambe le nazionali, con eliminazione matematica degli azzurri di Prandelli (per la classifica avulsa, ndr) quale che sia poi il risultato lunedi prossimo contro l’Eire, in contemporanea alla sfida tra Spagna e Croazia. A voi le riflessioni (sarà biscotto come tra Svezia e Danimarca nel 2004?).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*