La Roma non risponde e la Juventus va in fuga. Higuain scatenato, Napoli terzo

higuain regala il -6 dalla RomaSi chiude sull’1 a 1 il posticipo domenicale della 20^ giornata di Serie A tra Fiorentina e Roma. Ancora un pari per i giallorossi che, dopo aver subito il gol di un “ritrovato” Gomez (bravo ad intercettare al volo un tiro di Pizarro, ndr) nella prima parte di match, rispondono con l’ex di turno, Adem Ljajic, ad inizio ripresa (in girata, in area, dopo una grande azione di Iturbe) ma non riescono a conquistare la posta piena e devono accontentarsi di un punticino.
Un risultato, quello del Franchi, che regala ulteriore felicità alla Juventus la quale, superato agevolmente il Chievo (2 a 0 a firma del solito Pogba, con una sassata delle sue, e di Lichtsteiner sempre con lo zampino del francese) nel proprio Stadium, si porta a 49 punti, 7 di vantaggio ora sull’undici di Garcia.
La Roma frena e il Napoli si avvicina, con un’ottima gara davanti ai propri tifosi ma anche con l’aiutino di Calvarese nell’ultima sfida di Serie A, che si è disputata ieri sera. I partenopei, sicuramente più intraprendenti del Genoa e, soprattutto, più pericolosi, trovano però il vantaggio in maniera irregolare. Al 7′ conclusione di Callejon, Perin respinge e, di testa, Higuain mette dentro. L’argentino, però, al momento del tiro scagliato dallo spagnolo era in posizione di offside e quindi la rete andava annullata.
Il Genoa reagisce prontamente e a fine frazione ha l’occasione per pareggiare, dopo aver rischiato più volte il tracollo. E’ Antonelli, con il mancino, a sprecare a pochi passi da Rafael che salva in due tempi, evitando il pari rossoblù.
Nella ripresa la sagra dell’errore continua. Nei primissimi minuti De Guzman si fa respingere sulla linea di porta da Burdisso una conclusione a botta sicura. Poi è Higuain a ‘regalare’ tra le braccia di Perin una comoda conclusione.
Gasperini fa entrare Niang e subito dopo il Genoa trova il pareggio con uno spunto di Falque, che non lascia scampo a Rafael. 1 a 1 e tutto da rifare per i ragazzi di Benitez.
La reazione del Napoli è rabbiosa ma gli attaccanti azzurri continuano a sbagliare a ripetizione sotto porta. Poi, l’episodio che decide la sfida: Kucka trattiene ingenuamente (ma anche leggermente) Higuain davanti alla porta su uno spiovente di Gabbiadini. Calvarese assegna il calcio di rigore che lo stesso Higuain trasforma con freddezza e precisione.
La rabbia del Genoa non produce nulla di buono. Gasperini infuriato non va in sala stampa, Benitez invece si prende i punti con felicità e il suo Napoli è terzo a -6 dai giallorossi.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*