La Roma crolla contro la Samp, Lazio a -1. Milan ko a Firenze

Felipe Anderson lancia la Lazio a -1 dalla RomaLa Roma esce sconfitta dal match serale contro la Sampdoria di Mihajlovic, nell’ultima sfida della 27^ di Serie A, e vede complicarsi sempre di più la conquista della piazza d’onore. Infatti, ora, ad una sola lunghezza dai giallorossi c’è la scatenata Lazio di Pioli, vittoriosa (quinto successo consecutivo) alle 19 in casa del Torino con la doppietta di Felipe Anderson. Sempre nel tardo pomeriggio Destro illude il Milan rimontato dalla Viola che brinda al successo grazie alle reti di Rodriguez e Joaquin.
Con la Juventus ad un passo dal quarto titolo consecutivo (+14 sulla Roma) s’infiamma sempre di più la corsa ai posti Champions, grazie al quinto successo consecutivo della Lazio, in casa del Torino e al tracollo della Roma che, dopo aver sfiorato più volte la rete nel primo tempo (specialmente con Totti e Gervinho), cade nella ripresa sotto i colpi di De Silvestri e Muriel.
La Roma abbandona il segno X ma non per l’1, bensì per il 2, che significa sconfitta all’Olimpico dopo quasi un anno, e la negatività di questo periodo prosegue, alimentata dai successi delle avversarie, in primis dei cugini, lanciatissimi e distanti solo 1 punto.
A Torino, infatti, i biancocelesti gioiscono grazie alla doppietta del loro fuoriclasse, Felipe Anderson, arrivato a 8 reti (seconda doppietta stagionale per lui). Il vantaggio arriva pochi minuti dopo un’occasione clamorosa fallita da Keita. Ci pensa il brasiliano, con un colpo da biliardo, a far fuori Padelli. Poi, sempre l’ex Santos firma il 2 a 0 (dopo una strepitosa parata di Marchetti) che chiude il match, nonostante gli assalti finali del Toro.
Lazio, dunque, ad un passo dal secondo posto, che significa Champions diretta. Si avvicina all’Europa che conta non solo la Samp, corsara a Roma, ma anche la Fiorentina che, alle 19, in rimonta, batte il Milan, illuso dalla zampata dell’ex giallorosso Destro.
Il Diavolo pregusta la vittoria, al Franchi, ma Gonzalo Rodriguez, implacabile nei suoi inserimenti, fa 1 a 1 di testa e rimette la Fiorentina in parità. Poi, nel finale, è Joaquin a regalare l’acuto finale all’undici di Montella. Fiorentina a pochi passi dalle grandi, Milan ancora piccolo piccolo.

Speak Your Mind

*