La Roma cade a Milano, Lazio stoppata sul pari dal Chievo. Il Napoli vince e si avvicina

Icardi manda ko la RomaBrutto stop per la Roma di Garcia che frana a San Siro contro l’Inter nella 32^ giornata di Serie A. La Lazio non ne approfitta però pienamente e, stoppata sull’1 a 1 dal Chievo all’Olimpico, avanza di una lunghezza rispetto ai giallorossi, quarti a 58 contro i cugini, ora terzi a 59. Il Napoli, invece, rifila un sonoro 4 a 2 alla Sampdoria e si porta a -2 da Totti e compagni.
L’Inter di Mancini doma la Roma nel finale e conquista una vittoria che, in casa, mancava addirittura da Febbraio. Hernanes, protagonista di una super gara, regala il vantaggio ai nerazzurri con un gran tiro dalla distanza. Palla all’angolino, De Sanctis non ci arriva.
I giallorossi reagiscono e al 63′ trovano il pari. Assist di Pjanic e rasoiata del centrocampista belga che non lascia scampo ad Handanovic. L’inerzia sembra spostarsi dalla parte dei capitolini che vanno vicini al punto del 2 a 1 con una punizione di Pjanic respinta alla grande da Handanovic (anche i nerazzurri si rendono pericolosi con Icardi che manda alto e Guarin che spara addosso al portiere della Roma), ma all’88’ è l’Inter a segnare e a vincere la sfida.
Palacio serve Icardi che, nel cuore dell’area, si gira e conclude con un tiro secco e preciso. De Sanctis battuto, e anche la Roma. Per il Mancio tre punti importanti nella corsa ad un posto in Europa League.
Come detto la Lazio non ne approfitta (c’è stata anche la sconfitta, dopo 20 anni, della Juventus nel derby giocato all’Olimpico torinese, ndr) e contro il Chievo non va oltre l’1 a 1. Avanti grazie a Klose poco prima dell’intervallo i ragazzi di Pioli subiscono alla mezzora della ripresa il pari del Chievo: dalla sinistra traversone deviato da Mauricio, tocco al volo preciso di Paloschi e Marchetti è battuto. Lazio da sola al terzo posto ma con un solo punto di vantaggio sui giallorossi.
Si avvicina invece il Napoli che supera 4 a 2 la Sampdoria nel posticipo e si porta a -2 dalla Roma e, di conseguenza, a -3 dalla Lazio. Azzurri travolgenti e vincenti per la terza volta consecutiva grazie al solito Higuain, autore di una doppietta, Gabbiadini (gol dell’ex, favorito dalla papera di Viviano) e Insigne che s’inventa un gol meraviglioso con un tiro sul secondo palo dai 20 metri, dopo aver fatto 40 metri palla al piede. Il Napoli vede la Champions

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*