La Colombia si rialza, Brasile ko. Murillo stende la Selecao

Murillo stende il Brasile, vince la ColombiaLa Colombia riscatta con grande orgoglio la sconfitta all’esordio in Copa America contro il Venezuela e si regala una grande notte mandando al tappeto il Brasile di Dunga. E’ di Murillo, al 37′, l’acuto che vale la posta in palio, contro una Selecao che ha faticato, nonostante le solite geniali invenzioni di Neymar (però impreciso in zona gol) che, nella rissa finale, si fa “cacciare insieme a Bacca.
Los Cafeteros brillanti (soprattutto Cuadrado, il migliore tra i colombiani), Brasile confusionario e poco incisivo in attacco. Questo il succo di una gara che è partita subito con un forte agonismo ma poche conclusioni degne di nota.
Al 37′, però, la Colombia passa in vantaggio: punizione dalla destra, Murillo si avventa sulla sfera, e da pochi metri fredda l’incolpevole Jefferson. Al 39′ altra occasione per la Colombia con Falcao che, lasciato libero in area dalla difesa verdeoro, colpisce debolmente di testa su cross di Armero.
In finale di frazione un’occasione per parte. Dapprima va vicina al 2 a 0 la Colombia con James che serve da sinistra Falcao il quale, di tacco, smarca Cuadrado, conclusione immediata del giocatore del Chelsea e palla fuori di un soffio. Sul ribaltamento di fronte, fuga di Dani Alves e cross per Neymar che di testa manca l’appuntamento con il tap-in decisivo.
Parte la ripresa ed è subito Brasile, con Neymar che ha la chance del pari. Ma, ancora una volta, la stellina del Barca non si accende totalmente e calcia malamente da buona posizione. Risposta immediata della Colombia: Cuadrado, ancora una volta, parte palla al piede da centrocampo e, dopo un doppio passo a eludere la chiusura di Miranda, prova il sinistro a giro, sfiorando il palo.
Il Brasile ci prova fino alla fine, ma all’89’ James sfiora ancora il raddoppio per la Colombia: gran sinistro a incrociare che fa la barba al palo. Finisce 1 a 0 per la Colombia che si riscatta, mentre il Brasile delude. Nervi tesi e rissa al fischio del direttore di gara, a farne le spese Neymar e Bacca.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

28total visits,1visits today

Speak Your Mind

*