Juventus vicina al colpo a casa del Mancio. Johnson recupera Iaquinta

In attesa di vivere il derby d’Italia contro l’Inter, domenica sera nel posticipo di Serie A, esce un buon punto dalla trasferta londinese della Juventus di Delneri, impegnata ieri sera, come Palermo Napoli e Sampdoria, in Europa League.
La compagine bianconera sfiora il colpo, all’Emirates, in casa del Manchester City, grazie al vantaggio di Iaquinta (gran goal da 35 metri), ma si vede recuperare il risultato dallo sprint vincente di Adam Johnson che s’infila in area e sigla l’uno a uno finale. Nell’altra sfida del Gruppo A, il Lech Poznan si sbarazza del Salisburgo, prossimo avversario dei bianconeri nella competizione europea tra tre settimane in Austria.
Passando alla gara, la partenza è tutta di marca bianconera. Primi 20 minuti ad altissimo livello, con Iaquina che si rende subito pericoloso, ma Hart respinge con prontezza. Poi è Del Piero, su punizione, a mettere in difficoltà il portiere inglese, che tuttavia è pronto anche in quest’occasione. Al 10′, però, la Juventus trova il vantaggio: Iaquinta riceve palla sull’out di sinistra, si accentra, e lascia partire un bolide da 35 metri sul quale Hart, stavolta, non può farci nulla.
L’inizio sprint della Signora irretisce il City che sembra capirci davvero poco, ma poi pian piano inizia a carburare. Tevez e Vieira mettono i brividi a Manninger, ma il vero pericolo arriva al 34′, quando Barry, con un gran colpo di testa, colpisce il palo. E’ il presagio del goal che arriva poco dopo: al 37′, su imbeccata di Yaya Touré, Johnson beffa la difesa bianconera, troppo statica e molle nell’occasione, e trafigge Manninger, per il risultato che sarà finale di 1 a 1.
La ripresa si apre con un City diverso, più intraprendente, più in partita ma di occasioni importante non ce ne sono, per merito soprattutto di una Juventus ordinata e ben protetta dal centrocampo.
L’emozione più grande la regala capitan Del Piero. Dopo aver sfiorato il bersaglio grosso, sempre su calcio piazzato, a 4 minuti dalla fine, il numero dieci della Juventus calcia benissimo, ma la palla sbatte sulla traversa, rimbalza sulla linea e ritorna in campo. Che sfortuna. Finisce 1 a 1, risultato comunque positivo e prezioso.

MANCHESTER CITY – JUVENTUS 1 – 1
MANCHESTER CITY (4-3-3):
Hart; Boateng (39′ st Milner), K. Touré, Kompany, Zabaleta (1′ st Boyata); Y. Touré, Vieira, Barry; Johnson, Adebayor (28′ st Silva), Tevez. A disp.: Given, Lescott, De Jong, Jo. All. Mancini.
JUVENTUS (4-4-2): Manninger; Grygera, Bonucci, Chiellini, De Ceglie (27′ st Motta); Krasic (30′ st Felipe Melo), Sissoko, Marchisio, Martinez (9′ st Pepe); Iaquinta, Del Piero. A disp.: Storari, Legrottaglie, Lanzafame, Giannetti. All. Delneri.
ARBITRO: Gonzalez (Spa)
MARCATORI: 10′ pt Iaquinta (J), 37′ pt Johnson (M)

Finisce in parità, 1-1, il big match di questa serata di Europa Leauge. Al City of Manchester Stadium, una buona Juve regge l’urto del City di Mancini, portando a casa un punto importante che fa morale in attesa della sfida di domenica sera a San Siro con l’Inter. Nell’altra sfida del gruppo A, il Lech Poznan si sbarazza del Salisburgo, prossimo avversario dei bianconeri tra tre settimane in Austria.

PRIMO TEMPO – Del Neri rispolvera De Ceglie e Martinez, entrambi reduci da infortuni, sulla corsia di sinistra. Bonucci è preferito a Legrottaglie in mezzo alla difesa, mentre in mediana c’è la coppia formata da Marchisio e Sissoko. Dall’altra parte Mancini sceglie Adebayor al centro dell’attacco, con Johnson e Tevez ai lati. David Silva va in panchina.

I primi 20 minuti della Juve sono di altissimo livello. Dopo 4′ Iaquinta ci prova dal limite, ma Hart respinge. Poi è Del Piero, su punizione, a mettere in difficoltà il portiere inglese. Al 10′ ecco il gol del vantaggio: Iaquinta riceve palla sull’out di sinistra, si accentra, e lascia partire un bolide da 30 metri che si infila nell’angolo opposto.

Il City sembra capirci poco, poi pian piano inizia a carburare. Tevez e Vieira mettono i brividi a Manninger con un paio di tiri dalla distanza, ma il vero pericolo arriva al 34′, quando Barry, di testa, colpisce il palo. Il gol è rimandato di tre minuti: al 37′, infatti, su splendida imbeccata di Yaya Touré, Johnson beffa la difesa bianconera e trafigge Manninger.

Dopo il gol le squadre sembrano accontentarsi, rallentano il ritmo e vanno negli spogliatoi in parità.

SECONDO TEMPO – Il City inizia la ripresa con un piglio diverso, tenendo per lunghi tratti il possesso del pallone e schiacciando la squadra di Del Neri nella propria metà campo. Nonostante questo, di occasioni nitide se ne vedono poche, merito anche della difesa della Juve finalmente ordinata e ben protetta dal centrocampo.

Al 57′ Johnson prova un sinistro da fuori, ma Manninger si accartoccia e blocca con facilità. Pochi minuti dopo è Barry a sfiorare la traversa con un destro dal limite. Al 66′ Del Piero avrebbe l’occasione buona su calcio piazzato, ma spedisce a lato di un paio di metri. Un minuto dopo replica del Manchester City, con Adebayor che arriva in ritardo all’appuntamento su uno splendido cross di Tevez.

Nel finale la Juve prova a vincere la partita. A 4′ dal termine, altra punizione di Del Piero: stavolta il capitano calcia bene, ma la palla sbatte sulla traversa, rimbalza sulla linea e ritorna in campo. In pieno recupero, Sissoko ha la palla buona ma spara fuori da ottima posizione.

TABELLINO

MANCHESTER CITY – JUVENTUS 1 – 1

Manchester City (4-3-3): Hart; Boateng (39′ st Milner), K. Touré, Kompany, Zabaleta (1′ st Boyata); Y. Touré, Vieira, Barry; Johnson, Adebayor (28′ st Silva), Tevez.
A disposizione: Given, Lescott, De Jong, Jo. All. Mancini

Juventus (4-4-2): Manninger; Grygera, Bonucci, Chiellini, De Ceglie (27′ st Motta); Krasic (30′ st Felipe Melo), Sissoko, Marchisio, Martinez (9′ st Pepe); Iaquinta, Del Piero.
A disposizione: Storari, Legrottaglie, Lanzafame, Giannetti. All. Del Neri

ARBITRO: Gonzalez (Spa)

MARCATORI: 10′ pt Iaquinta (J), 37′ pt Johnson (M)

Speak Your Mind

*