Juventus in festa al 95′, decide Dybala dal dischetto. Il Milan protesta contro Massa

Dybala stende il Milan dal dischetto al 95'La Juventus vince 2 a 1 contro il Milan, con rigore al 95′ di Dybala, e vola (in attesa di Palermo-Roma) a +11 sui giallorossi mettendo le mani sull’ennesimo scudetto consecutivo. I rossoneri, però, protestano furiosamente contro Massa e i suoi collaboratori (in particolare il decisivo giudice di porta Doveri) per l’assegnazione del dubbio penalty (mani di De Sciglio) che piega un fenomenale Donnarumma e regala la posta in palio alla squadra di Allegri (alla quale – va detto – manca un rigore nel primo tempo per fallo evidente di Zapata su Dybala).
Ma andiamo con ordine e partiamo dal primo tempo, nel quale la Juventus parte a spron battuto a caccia del vantaggio. Senza Chiellini e Cuadrado, si rivede in difesa Benatia e a centrocampo Pjaca il quale si rende subito pericoloso: rasoterra secco e preciso, in area di rigore, Donnarumma respinge alla grandissima, poi Zapata salva su Khedira. Pochi istanti dopo penetrazione micidiale di Dybala che viene agganciato in area da Zapata. Per Massa non c’è scorrettezza, invece era calcio di rigore a favore della Juventus.
Il Milan sbanda pericolosamente, ma si aggrappa al suo giovane portierone, Donnarumma, bravissimo anche quando Higuain controlla la palla al limite e poi conclude. Il numero uno del Milan si distende sulla sua sinistra e allontana la minaccia. Il gol, comunque, è nell’aria e arriva alla mezzora: cross di Dani Alves per Benatia, che tenuto in gioco da Romagnoli, appoggia in rete per l’1 a 0 della Juventus.
Match che sembra in mano alla Juventus. Sembra, perchè al 43′ la ripartenza fulminea del Milan vale l’1 a 1. Deulofeu si accentra e serve Bacca per il gol del pari rossonero (posizione dubbia del colombiano, al momento dell’assist del compagno).
A inizio secondo tempo il leitmotiv della partita non cambia. Juve all’attacco e Milan pronto a ripartire. Dapprima Pjanic si fa respingere una punizione e poco dopo Bacca rischia l’autogol dopo un corner del bosniaco. La Juventus crea occasioni su occasioni ma sbatte sul muro Donnarumma oppure manca il bersaglio di pochissimo, come con Pjaca, in diagonale (la palla lambisce il palo prima di finire sul fondo).
Al 28′, poi, sale ancora in cattedra Donnarumma. Prima va a deviare la conclusione di Khedira, poi come un gatto smanaccia in angolo la bicicletta di Higuain. Pazzesco. Sull’altro fronte Benatia stava regalando la palla a Deloufeu, anticipato però da Buffon.
Nel recupero, infine (di 4 minuti ma poi giustamente allungato per il rosso a Sosa), succede di tutto. Higuain manda sul fondo con un’altra girata volante, su assist di Bonucci, poi al 95′ l’episodio che decide la partita: cross di Lichtsteiner dal fondo destro e deviazione con la mano di De Sciglio, molto vicino allo svizzero (Doveri richiama l’attenzione di Massa ed è rigore).  Dybala dimentica Doha e supera Donnarumma, mentre il Diavolo furioso contesta la decisione e a fine gara accerchia l’arbitro e i suoi collaboratori.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

7total visits,1visits today

Speak Your Mind

*