Inter-Juventus, le ultime. Pazzini titolare, bianconeri con Vucinic-Matri

La Signora che incontra la Pazza milanese. Sembrerebbe il titolo di una commedia teatrale, dove una nobile madama incontra e si scontra con una donna di più umili estrazioni sociali, ma la verità è che non si tratta di finzione recitata, quanto di passione all’ultimo minuto. Le protagoniste di questa contesa sono effettivamente la Signora Juventus e la Pazza Inter, che non ha mai avuto vita facile nei match contro i bianconeri.
Questa sera nell’anticipo del sabato Inter-Juventus ha l’audacia e l’eleganza di una sfida eterna e vivamente sentita da entrambe le parti: Ranieri dal passato juventino affronta questa partita parlando non di ultima spiaggia per inseguire uno scudetto apparentemente lontanissimo, ma di una partita importante.
L’allenatore nerazzurro appare sereno, ma ben saprà quanto la sua Inter debba progredire e dimostrare sul campo il proprio valore e chance più invitante non potrebbe che essere offerta contro i rivali di sempre.
Sfida a chi illumina di più” parole di Andrea Pirlo. Gergo efficace nell’intento di portare al centro dell’attenzione una sfida a distanza con uno dei campioni dell’Inter: Wesley Sneijder.
Conte sta vivendo tutto alla prima esperienza e non intende sottovalutare quest’Inter, seppur sin qui apparsa ritardataria e disordinata, perché secondo l’allenatore pugliese i nerazzurri sono favoriti questa sera: dichiarazioni fatte sapendo di non avere al 100% Buffon e Vucinic?
Portiere e attaccante sono entrambi alle prese con degli infortuni fisici e a proposito del montenegrino, ultimamente criticato per gli errori sotto porta, Conte ha speso parole di fiducia, sapendo quante buone cose possa garantire e ottenere il suo attaccante.
Ranieri invece non avrà per certo a disposizione Julio Cesar, per un risentimento muscolare, Forlan e Ranocchia, non ancora in condizione di rientrare, dunque nella difesa a 4 ci saranno Maicon, Lucio, Chivu e Nagatomo.
È la Sfida con la S maiuscola, perché punzecchiature e rancori sono una costante inossidabile, senza dimenticare dell’ascia di guerra non ancora abbassata da Agnelli per lo scudetto “rubato” dall’Inter e da Moratti per i veleni nei confronti del suo club.
Questa sera dunque andrà in scena la prima di InterJuventus: la Signora e la Pazza milanese. Atto primo, silenzio in sala. (Paola Prina)

INTER: 12 Castellazzi; 13 Maicon, 6 Lucio, 26 Chivu, 55 Nagatomo; 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 20 Stankovic; 10 Sneijder; 28 Zarate, 7 Pazzini. A disp.: 21 Orlandoni, 2 Cordoba, Obi, 11 Alvarez, 22 Milito, 30 Castaignos, 42 Jonathan. All.: Ranieri.
JUVENTUS: 1 Buffon; 26 Lichtsteiner, 19 Bonucci, 15 Barzagli, 3 Chiellini; 21 Pirlo; 7 Pepe, 22 Vidal, 8 Marchisio, 14 Vucinic; 32 Matri. A disp.: 30 Storari, 5 Pazienza, 10 Del Piero, 11 De Ceglie, 17 Elia, 18 Quagliarella, 28 Estigarribia. All.: Conte.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*