Inter-Juve a reti bianche. Storari e Julio Cesar protagonisti

560x250

La supersfida di ieri sera, tra Inter e Juventus, che ha fatto calare il sipario sulla sesta giornata della Serie A, si è conclusa con il punteggio di zero a zero. Un risultato sostanzialmente giusto ma che impedisce ai nerazzurri di agganciare la Lazio (che resta prima da sola a 13) e li porta a quota 11 in compagnia del battagliero Napoli di Mazzari e dei cugini del Milan.
Nonostante l’assenza di goals è stata una partita estremamente piacevole, con un buon ritmo per tutti i novanta minuti e discrete giocate da ambedue le parti. Determinanti, ai fini del punteggio finale del match, le parate dei due “numero uno”, lo juventino Storari e l’interista Julio Cesar, protagonisti di alcuni interventi salvattutto. Un Eto’o in grande forma ci ha provato come sempre, con le solite accelerazioni devastanti, ma questa volta è rimasto a secco, mentre Milito è ancora lontano dalla forma migliore. Incredibile, nella ripresa, il goal fallito dal Principe che stoppa egregiamente la sfera nell’area piccola ma poi spedisce fuori a pochi passi dal numero uno bianconero che è stato poi decisivo sul colpo di testa di Maicon a botta sicura.
Dall’altra parte ci ha provato soprattutto Krasic, ad impensieririre la difesa dell’Inter. Il biondo esterno serbo si è reso protagonista di spunti irresistibili e ha, spesso e volentieri, trovato lo spazio per mettere palloni invitanti in area. Su uno di questi si è fiondato Iaquinta, spedendo la palla in rete, ma purtroppo l’azzurro si trovava in posizione di offside. Ottima chance anche per Quagliarella, ma il centravanti napoletano si è fatto respingere la conclusione, da pochi passi, da un grande Julio Cesar.
Insomma, gara equilibrata e che si è chiusa giustamente sullo zero a zero. Sta prendendo sempre più forma la Juventus di Delneri, che ha confermato i progressi evidenziati in Europa League contro il Manchester City. Solida, compatta e fisicamente pronta a rispondere colpo su colpo agli avversari.
Inter invece Eto’o dipendente. Lo si cerca sempre, è l’uomo più in forma, ma se non inventa lui, la luce si accende raramente nell’undici milanese. Tutto questo perchè Sneijder non è ancora al 100%, così come Milito che fatica a ritrovarsi dopo la grande stagione appena trascorsa. Quando i nerazzurri di Benitez “riacquisteranno” questi due campioni, allora si vedrà certamente qualcosa in più.

Speak Your Mind

*