Il Portogallo vola a Parigi, domato il Galles. Super Ronaldo, gol e assist

Ronaldo trascina il Portogallo alla finale di Euro 2016Finalmente Ronaldo. Il fuoriclasse del Real si scatena (gol e assist per il 2 a 0 di Nani) e il Portogallo conquista la sua prima vittoria a Euro 2016 (nei tempi regolamentari) che vale, soprattutto, l’accesso alla finalissima di Parigi del 10 Luglio. Non basta la fantasia, la velocità e la potenza di Bale al Galles, che esce comunque tra gli applausi per il grande torneo disputato.
Dopo 12 anni (ultima volta ad Euro 2004, con clamorosa sconfitta subita di misura contro la Grecia di Rehhagel, ndr) il Portogallo torna a vivere una Finale europea, esce invece a pochi passi da Saint-Denis il Galles che ha pagato sicuramente una minore esperienza e le assenze di Davies e, soprattutto, Ramsey. I lusitani di Santos affronteranno la vincente di Francia-Germania, appuntamento super di questa sera, alle 21.
La supersfida tra i due galattici, dunque, ha visto emergere come vincitore Cristiano Ronaldo, grande protagonista ieri sera. Inoltre, con la rete bellissima di testa, che ha portato in vantaggio il Portogallo, il campione del Real ha eguagliato Platini a 9 reti, tra i migliori marcatori di sempre di una fase finale di un Europeo.
Ci pensa proprio lui, dopo un primo tempo bloccato e avaro di grandi emozioni, a sbloccare l’incontro. Al 5′, su azione da corner, sale in cielo e colpisce di testa, la palla finisce in fondo al sacco. Nulla da fare per Hennessey, Portogallo in vantaggio.
Sempre Ronaldo, tre minuti dopo, è di nuovo protagonista. Dopo aver scombinato la difesa gallese, s’inventa un diagonale sul quale Nani si tuffa per la deviazione. Hennessey è spiazzato, 2 a 0 e gara in archivio.
Coleman si gioca le carte Vokes, Church e Jonathan Williams, per un Galles ultraoffensivo, ma a suonare la carica è sempre Gareth Bale, immarcabile e devastante in ogni sua iniziativa. Dapprima un suo sinistro di prima intenzione finisce tra le braccia di Rui Patricio, poi sempre con il mancino sfodera una sassata da oltre 30 metri, sulla quale è bravissimo il portiere portoghese. In contropiede, invece, Ronaldo e compagni sprecano più volte il tris.
Il resto è attesa del fischio finale, coi tifosi gallesi che intonano “Hen Wlad Fy Nhadau” (terra dei miei padri), l’inno nazionale, mentre le bandierine lusitane colorano lo stadio a festa. Quella del Portogallo di Ronaldo che dopo 12 anni torna in finale.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*