Il marketing di Del Piero

La dirigenza della Juventus è proprio ridotta male se si riduce a festeggiare il 5 maggio, giorno della morte di Napoleone ma anche della fine dell’era ‘simpatica’ dell’Inter morattiana. L’ha festeggiato allungando di un anno il contratto ad Alex Del Piero, dopo mesi di freddezza dovuti anche al fatto che Andrea Agnelli si era sentito messo con le spalle al muro dagli appelli web del capitano bianconero. Dal punto di vista del 37enne Del Piero una scelta giustissima: niente di meglio di un campo da calcio per giocarsi la vita, la pensione è sempre meglio rimandarla. E poi un utilizzo intelligente gli consentirà di essere ancora decisivo e di allungare la sua leggenda per il diciannovesimo campionato di fila con la stessa maglia. Consolidando magari anche le sue statistiche: il più giovane (di due anni) Totti gli è davanti come gol in Serie A (206 contro 184), ma considerando tutti i gol in partite ufficiali la stella della Juventus lui è quota 313 e solo Inzaghi fra i giocatori in attività gli è davanti (a quota 315)…

Tratto da “L’Indiscreto
di Stefano Olivari

Speak Your Mind

*