Il film del campionato: 36 giornata

Il Diavolo, dopo sette anni, torna in Paradiso. Al Milan bastava un punto per aggiudicarsi il diciottesimo scudetto della sua storia in Serie A e così è andata: all’Olimpico, contro la Roma, reti inviolate e trionfo colorato di rossonero. Trionfo per la formazione allenata da Massimiliano Allegri, vero condottiero di quest’armata di campioni che, in testa alla classifica dall’undicesima giornata, ci ha sempre creduto ed è arrivata alla vittoria finale nel migliore dei modi. Ottima stagione per il tecnico livornese che si cuce il tricolore sul petto al primo tentativo, come era accaduto anche a Capello, Sacchi e Zaccheroni. I numeri danno pienamente ragione ad Allegri e al suo modo di mettere in campo le pedine migliori e creando un meccanismo perfetto in cui nessuno è insostituibile, ma tutti sono indispensabili e i numeri gli danno ragione: in 36 gare disputate in Serie A, ha inanellato 23 vittorie, 9 pareggi e solo 4 sconfitte con 61 gol fatti e 23 subiti (miglior difesa del campionato). All’Olimpico, nella prima frazione di gioco, l’undici di Montella prova più volte a scardinare la difesa rossonera, ma Abbiati, Thiago Silva e Nesta sono monumentali e neutralizzano qualsiasi tipo di attacco.
Nella ripresa meglio il Milan con il gol sfiorato da Robinho che colpisce il palo e quasi rete di Boateng. Al fischio finale è festa: la cavalcata vincente dei rossoneri si chiude con due giornate d’anticipo e con uno scudetto in più.
Martedì sera i rossoneri giocheranno contro il Palermo la semifinale di ritorno di Coppa Italia: all’andata finì 2 – 2. Allegri spera nel successo e se così fosse, sarebbe il primo allenatore del Milan a centrare l’accoppiata Coppa e tricolore…

Tratto da Notizie del Guerino
Scritto da Raffaella Picciani

Speak Your Mind

*