Il calciatore vietnamita dell’anno

Huynh-Quoc-AnhNel 2005 era stato squalificato per tre anni a seguito dello scandalo legato ad una partita truccata ai Southeast Asian Games dell’epoca, nelle Filippine, ora Huynh Quoc Anh è stato premiato come miglior calciatore del suo paese per la stagione appena trascorsa. Questo riconoscimento segna la piena rinascita di un calciatore, dopo il suo ritorno al calcio giocato, culminato con la conquista del titolo nel campionato vietnamita, la V-League, la scorsa annata.
Il 28enne centrocampista offensivo del Shb Da Nang, che ha dedicato il premio alla sua famiglia, ha ricevuto 254 voti da allenatori, giornalisti ed esperti del settore; al secondo posto, con 169 preferenze, si è classificato Le Tan Tai, ala destra dell’Hai Phong, mentre il veterano playmaker Nguyen Minh Phuong con 110 punti ha ricevuto il pallone di bronzo.
In campo femminile non c’è stata storia: ha sbaragliato tutte le sue avversarie, con i 465 voti ricevuti, Dang Thi Kieu Trinh, portiere dell’Ho Chi Minh City. Dietro di lei, staccatissima, Le Thi Thuong, del Vinacomin, e terzo posto per Nguyen Thi Ngoc Anh, dell’Hanoi. Un periodo ricco di soddisfazioni per la super portiera: prima di bissare il pallone d’oro vietnamita, c’erano stati il trionfo al Campionato femminile dell’Asean Football Federation con la nazionale e il premio come miglior calciatrice del Sud-est asiatico.
Nelle altre categorie, mentre Tran Phi Son, del Song Lam Nghe An, è stato eletto miglior giovane dell’anno, l’argentino Sebastian Gaston Merlo, attaccante di 28 anni in forza al Shb Da Nang, è stato incoronato, ancora una volta, come il più forte giocatore straniero, superando Antonio Carlos, del Saigon Xuan Thanh, e Gonzalo Marronkle, dell’Hanoi T&T.
Organizzati dal giornale Saigon Giai Phong e sponsorizzati dall’Eximbank, i premi sono anche riconosciuti dalla Federazione calcistica del Vietnam. (Max D’Amato)

Speak Your Mind

*