Iago Falque alla Roma, con lui Bertolacci. Kondogbia si presenta all’Inter

Iago Falque alla Roma dal Genoa (foto Bartoletti)Lo spagnolo Iago Falque ha firmato. Mentre continuano le trattative per il Cagliari (si è arrivati a circa 18 milioni, con l’inserimento nella trattativa di Ekdal, ndr) per il riscatto completo del centrocampista belga-indonesiano Nainggolan, ed evitare di arrivare così alle buste, la Roma accoglie l’esterno spagnolo, ex Genoa, acquistato per 16 milioni (10 per lui, 6,5 per il riscatto di Bertolacci, tornato alla base ma dal futuro capitolino incertissimo, ndr) e giallorosso per i prossimi 5 anni a 1,2 milioni di euro a stagione.
Ieri, dunque, nella sua prima giornata romana, Iago Falque (nella foto con la sciarpa giallorossa, ndr), classe 1990, autore di 13 reti nella sua prima stagione in Serie A, con la maglia del Grifone, ha effettuato le visite mediche con il suo nuovo club e apposto la firma sul contratto che lo legherà ai giallorossi per i prossimi 5 anni. Insieme a Iago Falque, come detto, c’è stato anche il ritorno a Roma di Bertolacci (riscatto della comproprietà) che però ancora non sa se resterà nella capitale nella prossima stagione. Il Milan lo vuole, staremo a vedere.
Ma quest’inizio d’estate si è tinto anche di nerazzurro, perchè l’Inter ha presentato il gigante Geoffrey Kondogbia, prelevato per circa 36 milioni dal Monaco (terzo acquisto più costoso nella storia del Biscione, dopo Vieri e Crespo), e soffiato ai cugini rossoneri. Il centrocampista centroafricano, naturalizzato francese, classe 1993, sostenute le rituali visite mediche presso la clinica milanese Humanitas, e presso il centro medico del CONI, in via Piranesi, ha salutato i tifosi nerazzurri: “Ciao tifosi (circa 2000 ad osannarlo, ndr), sono Geoffrey Kondogbia. Vi aspetto a San Siro, niente è come esserci. Impossibile dire di no all’Inter“, con indosso la maglia dell’Inter, in un video pubblicato dal club interista sugli account social.
Felicità, da parte del forte centrocampistadi Nemours, per l’inizio della sua avventura italiana, in nerazzurro (maglia numero 7, ndr), ma anche un ringraziamento speciale al club monegasco: “Grazie per questi due anni pieni di emozioni. Menzione particolare per Ranieri, Jardim, i miei compagni di squadra, Mr Vasilyev e Mr Rybolovlev“.

Speak Your Mind

*