I-League 2016 al capolinea

Bengaluru campione dell'I-LeagueNato neanche tre anni fa, il Bengaluru Fc ha appena conquistato il suo secondo campionato professionistico indiano, sotto la guida del 39enne coach inglese Ashley Westwood.
Il 2-0 rifilato al Salgoacar, nella penultima giornata dell’I-League, il campionato professionistico indiano, ha dato ai Blues la matematica certezza del titolo: +5 sul Mohun Bagan, secondo in classifica e campione uscente.
Gli undicimila tifosi presenti allo stadio Sree Kanteerava, hanno dovuto attendere solo otto minuti per vedere il primo gol, segnato dal 29enne centrocampista Eugeneson Lyngdoh (terza marcatura dopo il suo ritorno dall’infortunio). Il delirio si scatena agli sgoccioli del match quando il neo-entrato Seminlen Doungel, su passaggio del capitano Sunil Chhetri, fissa il punteggio sul 2 a 0. 32 i punti (10 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte) dopo 15 partite per il Bengaluru Fc, club dell’India meridionale che ha tra le sue fila molti giocatori under 23.
Individualmente premiati, poi, Ashley Westwood, Amrinder Singh, John Johnson ed Eugeneson Lyngdoh rispettivamente come miglior allenatore, portiere, difensore e centrocampista dell’I-League. Ma una citazione la merita anche l’esperto kenyano Curtis Osano, un vero e proprio muro difensivo l’ex giocatore del’Afc Wimbledon. (Max D’Amato)

Formazione iniziale del Bengaluru:
Amrinder (p), Osano, Johnson, Rino, Chhuantea, Lyngdoh, Zuala, Collins, Udanta, Chhetri, Kim
A disp: Ralte, Keegan, Thoi, Alwyn, Seminlen, Vineeth, Lalhlimpuia

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

3total visits,1visits today

Speak Your Mind

*