I Greci rinunciano ai premi. Obama si congratula con i suoi “eroi”

Obama si congratula con i calciatori americaniIn questi giorni si è parlato molto dei calciatori della nazionale Italiana, rei di pensare più al look e al denaro piuttosto che alla maglia azzurra, messi in parallelo con quelli della formazione ellenica, tecnicamente più scarsi rispetto ai nostri ma sempre in grado sempre di sorprendere grazie alla grinta e alla tenacia che mettono in campo (come dimostrato contro la Costa Rica, con la rete nel recupero firmata da Papastathopoulos).
I calciatori della Grecia hanno addirittura scelto di non prendere premi extra da questo mondiale, decidendo di investire il denaro, vinto grazie al passaggio del turno dal girone agli ottavi di finale, in un centro di allenamento per la nazionale, come hanno scritto in una lettera indirizzata al primo ministro Samaras.
Secondo alcune indiscrezioni anche l’Algeria, altra formazione che ci ha sorpreso in positivo in questa competizione, e che ha fatto soffrire la Germania negli ottavi, avrebbe destinato denaro ai bambini di Gaza. Nelle ultime ore, però, sembra proprio che questa diffusa sia una notizia senza fondamento messa sul web per colpa di parole mal interpretate dei calciatori della nazionale Africana.
Concludiamo il nostro caffè insieme parlando del presidente Americano, Barack Obama, fotografato nei giorni scorsi mentre sembrava avere molto interesse per le partite disputate dai suoi ragazzi a Brasile 2014. Il primo abitante della casa bianca ha parlato telefonicamente con il capitano Dempsey e il portiere Howard, giocatori più rappresentativi della nazionale a stelle e striscie, congratulandosi con loro, i compagni e con il CT Klinsmann, aggiungendo che tutto il paese è “orgoglioso di loro“. (Dario La Padula)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*