Hummels stende la Francia, Germania avanti. Il Brasile piega la Colombia ma perde Neymar

Hummels regala la semifinale alla GermaniaUna rete del centrale del Borussia Dortmund, Mats Hummels, di testa, sugli sviluppi di calcio piazzato, regala alla Germania la 13^ semifinale della propria storia, 4^ consecutiva, e rispedisce a casa la Francia di Deschamps che, comunque, esce a testa alta dal Mondiale di Brasile 2014 (lapidario il commento del Ct transalpino “ci abbiamo provato in tutti i modi a segnare, non posso dire nulla ai miei giocatori, abbiamo dato il massimo!“) per la prestazione e per aver messo in difficoltà la rocciosa nazionale di Loew.
La rete del successo finale arriva al 12′ del primo tempo. Kroos disegna una parabola preziosa in area per la testa di Hummels che anticipa Varane e mette dentro. Nulla da fare per Lloris e palla in fondo al sacco. La Francia prova a reagire, con alcune occasioni (nel finale di primo tempo tentativo di Valbuena, para Neuer, poi Hummels salva su Benzema, ndr), tra le quali quella negli ultimi concitati istanti di match: Benzema conclude a colpo sicuro, Neuer c’è e anche la Germania, che prosegue la propria corsa.
In semifinale sarà Germania-Brasile (che nel 2002 vide le due big contendersi il trofeo, vinto dalla Selecao con doppietta del “fenomeno” Ronaldo, e quinto mondiale messo in bacheca) con la nazionale verdeoro che ha superato 2 a 1 la Colombia: uno-due firmato Thiago Silva-David Luiz (il primo approfitta di una dormita generale della difesa colombiana, spingendo la palla in rete con il ginocchio, mentre il secondo sorprende Ospina su calcio piazzato, ndr, poi la Colombia si sveglia, segna con James Rodriguez su rigore (il talentuoso ’91 chiude a 6 reti, ndr) e prova il forcing finale, con grande orgoglio e determinazione, senza però riuscire a prolungare la gara ai supplementari.
La notizia infausta per il Brasile arriva dall’infermeria. Infatti, vertebra rotta e torneo finito per Neymar che, a causa della ginocchiata di Zuniga, che lo ha messo ko ieri sera nel corso della ripresa, non potrà essere protagonista (come non lo sarà Thiago Silva per squalifica, ndr) contro la Germania e, eventualmente, nella finalissima del 13 Luglio, se il Brasile riuscirà a spuntarla contro i “Panzer” tedeschi. Un tegola incredibile per Felipao Scolari e i brasiliani che non potranno fare a meno della loro stella più luminosa per il match in programma l’8 Luglio alle 22.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*