Girone B, Alle 18 Olanda-Danimarca. In serata la favorita Germania contro il Portogallo di Ronaldo

Dopo aver vissuto le prime emozioni, quelle “inaugurali” di Euro 2012, con il pari della Polonia, contro la Grecia, e la vittoria netta della Russia, contro la Repubblica Ceca, si continua, oggi, con il Girone B.
In campo, alle 18, al Metalist di Kharkiv, in Ucraina (ieri l’esordio è stato in Polonia), i vicecampioni del Mondo dell’Olanda di Van Marwijk. Gli “orange”, tra i candidati alla finale, e in cerca di un successo continentale che manca dal 1988 (Europei di Germania Ovest, ndr) esordiscono, in questa fase finale, contro la “cenerentola” del girone, la Danimarca del santone Morten Olsen.
Il team scandinavo, che ha in Nicklas Bendtner, attaccante del Sunderland ma di proprietà dell’Arsenal, e Christian Eriksen, mediano gioiello dell’Ajax, i pezzi più pregiati, è chiamata alla mission impossible della qualificazione. Obiettivo sostanzialmente precluso in un girone che conta la presenza, oltre che dei tulipani, anche e soprattutto della Germania e del Portogallo di Cristiano Ronaldo.
Per quanto riguarda le formazioni, in casa dell’Olanda Van Marwijk deve fare a meno di Mathijsen (chance da titolare per Vlaar al centro della difesa, ndr) e lancia il giovane Willems sulla corsia mancina, con un terzetto favoloso di trequartisti (Robben, Sneijder e Afellay) alle spalle del magico Van Persie, uno dei top player ambiti da mezz’europa.
La Danimarca risponde invece con il 4-2-3-1. In difesa, a protezione di Andersen, saranno il romanista Kjaer e il giocatore dei Reds, Agger, a comandare la difesa. Dehli, Eriksen e Rommedahl agiranno, invece, alle spalle di Bendtner, unica punta nello scacchiere di Olsen.
Stasera, invece, la big delle big, la Germania di Loew, dopo gli ottimi risultati ottenuti in Sudafrica, e candidata alla vittoria di questo Europeo (insieme naturalmente alla Spagna, ndr) sfida il Portogallo in un incrocio che promette scintille. Una sfida nella sfida è quella tra campioni di Spagna. Infatti a Lviv, sempre in Ucraina, cinque calciatori del Real, vincitore della Liga, saranno avversari (3 vs 2): Cristiano Ronaldo, Pepe e Fabio Coentrão, per i lusitani, Özil e Khedira, invece, sul fronte tedesco.
Cristiano Ronaldo, inoltre, tra i top player in campo, cerca quell’acuto che gli permetterebbe di strappare il Pallone d’Oro a Messi, dopo la vittoria nella Liga con il Real Madrid. “Vogliamo mostrare le nostre qualità e far bene”, questo il pensiero di Ronaldo all’imbocco di una sfida che può dire tanto per il Girone e per le ambizioni dei talentuosi rossoverdi.
Il ct portoghese Paulo Bento, classe 1969, allenatore più giovane del torneo, si affiderà al 4-3-3 per contrastare i tedeschi, con Nani, Postiga e C. Ronaldo in avanti. I dubbi del tecnico Loew riguardano invece la scelta del terminale del 4-2-3-1, considerando che Klose (da oggi 34enne, ndr) potrebbe soffiare il posto a Gomez.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*