Francia-Germania alle 18. I quarti si aprono con un derby europeo da brividi

Francia contro Germania. Alle 18 derby europeoFrancia-Germania, le squadre che nel 2006 sono state gli ultimi due gradini della scalata al trionfo dell’Italia, si affrontano per entrare tra le prime quattro più forti del mondo. Allo Stadio Maracanà di Rio De Janeiro alle ore 18, nel primo dei quarti di finale di Brasile 2014, si scriverà un nuovo capitolo nella storia di queste nazionali.
L’attuale Ct transalpino, Didier Deschamps, sia come giocatore che come allenatore, non ha mai perso una partita con la maglia della nazionale francese, e la Francia non ha mai perso un quarto di finale di una competizione mondiale. Dall’altra parte, però, c’è la Germania che arriva a questa partita con zero sconfitte all’attivo, con un bilancio favorevole nei precedenti, e con la speranza di vedersi ripetere la “notte di Siviglia“, sfida epica del 1982, quando le due nazionali contro oggi pomeriggio si giocarono l’accesso alla finale del Campionato del Mondo.
Il match si chiuse, nei tempi regolamentari, sull’1 a 1 (reti di Littbarski e Platini) poi ai supplementari accadde qualcosa di clamoroso:  due reti dei galletti con Trésor e Giresse al 92′ e al 98′ ma, negli ultimi istanti di overtime la reazione pazzesca dei Panzer tedeschi , che impattarono con Rummenigge e Fischer; l’epilogo ai calci di rigore vide trionfare la compagine teutonica che prevalse con 5 realizzazioni a 4 (di Bossis l’errore decisivo).
Tornando ad oggi i “galletti” sembrano aver trovato un gruppo compatto e unito come non si vedeva da tempo, la loro media goal non era cosi brillante dal 1998, anno della famosa finale contro il Brasile vinta per 3 a 1 e del presunto malore di Ronaldo la sera prima della sfida. Il loro punto di forza e allo stesso tempo il loro punto debole è la grande aggressività, ne sa qualcosa Onazi che ha rimediato un brutto infortunio dall’intervento scorretto di Matuidi.
La Germania dal canto suo può vantare di essere più squadra a livello statistico, con l’88% dei passaggi riusciti. L’unico problema della squadra tedesca sembrerebbe essere la posizione di Lahm, spostato da Loew davanti la difesa per dare geometria alla squadra e rimesso nel suo ruolo da terzino nella gara contro l’Algeria per via dell’infortunio di Mustafi. Questo ripiegamento ha portato all’ingresso in campo di Khedira che grazi alle sue incursioni ha dato una grande mano al passaggio del turo della sua squadra. Il problema non sembra esserci visto i risultati, però fino al momento dell’infortunio di Mustafi, Lahm stava facendo una partita perfetta dettando il ritmo del gioco, all’ingresso di Khedira il centrocampo ne ha risentito in fluidità. Quindi ora il ct è ad un bivio lasciare Lahm come terzino, il suo ruolo naturale, oppure rimetterlo a dirigere la squadra a centrocampo, che tante polemiche e critiche gli ha portato. Vedremo.
Questa è anche la sera per i giocatori più attesi di fare il salto di qualità ed entrare a far parte delle stelle del firmamento mondiale, uno tra tutti è Pogba che con il suo talento ha stupito tutti ed ora è in cerca di conferme, poi c’è la compagine tedesca con Ozil, Muller, Gotze e Kroos che aspettano di coronare il sogno mondiale e che vincendo stasera potrebbero mettere un altro mattone che li avvicina sempre più a realizzare questo sogno. Buona partita a tutti. (Claudio D’Adamo)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*