Dal Loftus al Royal passando per il Nelson Mandela. Gli Stadi del Mondiale (II Parte)

Chiudiamo anche questa rassegna sugli Stadi del Mondiale, parlando degli ultimi 6, che potremmo definire “minori” ma solo per una questione di capienza (vanno dai 50 ai 48 mila posti).
Dopo aver raccontato dei 4 colossi (Soccer City, Ellis Park, Kings Park e Greenpoint), riprendiamo questa disamina dal Loftus Versfeld Stadium, una bellissima creazione da 50mila posti, che si trova nell’affascinante città di Pretoria, capitale amministrativa del Sudafrica.
Questo stadio, che ospita la gloriosa formazione di rugby dei Blue Bulls ed è stato anche teatro di bellissime performances canore, ospiterà cinque gare di qualificazione e unod egli ottavi di finali della competiazione africana (quello del 29 giugno prossimo).
Un altro pregevole impianto è quello che si trova a Port Elizabeth. In questa che rappresenta una delle più belle città portuali del Sudafrica (sulla costa meridionale, che si affaccia sull’Oceano Indiano), ed è nota alle cronache per gli sport acquatici (spiagge dalla sabbia finissima, meta preferita di surfisti) e le grandi riserve naturali, troviamo il Nelson Mandela Bay Stadium (nella foto), stadio da 48mila posti.
E’ tra i cinque prodotti sorti ex-novo per ospitare il Mondiale sudafricano e trae il suo nome dall’area in cui si trova Port Elizabeth e che è stata dedicata al grande presidente ed eroe nazionale. Ospiterà molte gare, sia dei gironi di qualificazione che della fase successiva ma anche e soprattutto la “finalina” (quella per il 3° e 4° posto).
Spostandoci a Bloemfontein, nella capitale giudiziaria del Sudafrica, c’imbattiamo invece nel Free State Stadium, conosciuto anche come Vodacom Park per motivi di sponsor. Stadio multiuso (rugby e calcio) costruito nel 1952, ed ha una capienza complessiva di 48mila posti.
Il Free State ospita le partite di due squadre di rugby (i Free State Cheetahs e i Central Cheetahs) e dei Bloemfontein Celtic, presente nella Premier Soccer League, ma adesso acquisterà particolare importanza in occasione di alcune gare eliminatorie del campionato el Mondo che sta per partire.
Nella parte nord-est del Sudafrica, un’altra città sudafricana, Nelspruit (città situata a circa 600 metri sul Crocodile River), diventerà famosa per aver ospitato gare dei Mondiali. Infatti, vi troviamo il Mombela Stadium, terz’ultima sede del torneo con 46mila posti, situato in terra aperta, vicino al Kruger National Park.
In esso andranno in scena tre incontri della fase a gironi, nonchè Italia-Nuova Zelanda, che ci riguarda da vicino e che è prevista per il 20 giugno prossimo.
Ci avviciniamo alla fine, e ai più “piccoli”. Parliamo, infatti, del Peter Mokaba Stadium e del Royal Bakofeng, rispettivamente di 45 e 42mila posti a sedere.
Il primo, ancora in costruzione (lavori quasi finiti), si trova nella città di Polokwane (città del Sudafrica nordorientale, capoluogo della provincia del Limpopo) ed è stato progettato appositamente per la competizione organizzata dalla nazione di Nelson Mandela. Ospiterà il primo turno del girone H, un ottavo di finale ed un quarto di finale.
Il secondo, invece, che chiude la rassegna sugli “Stadi del Mondiale”, è situato nella città di Rustenburg, a 10 km dal centro cittadino. 42mila posti, già tre gare della Confederations Cup 2009, ora sarà sede di quattro partite della prima fase e due della seconda.
1153 metri sul livello del mare, per questo stadio, distante un’ora e mezzo di macchina dalla bellissima città di Johannesburg. Ecco i magnifici dieci…buon divertimento a tutti.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

16total visits,2visits today

Speak Your Mind

*