Cile e Bolivia ai quarti della Copa America. Ecuador appeso a un filo, Messico fuori

Cile e Bolivia avanti, l'Ecuador è ancora vivoIl Cile strapazza 5 a 0 la Bolivia e passa il turno come prima forza del Girone A della Copa America 2015, insieme proprio alla nazionale di La Paz seconda nonostante il ko. Infatti l’Ecuador batte il Messico e resta appeso ad un filo (dovrà sperare di qualificarsi come una delle due miglior terze, ndr). L’undici messicano, invece, è eliminata definitivamente dal torneo.
Nonostante tutto il caos extra-calcistico (la guida in stato di ebbrezza, l’incidente pazzesco con la Ferrari e via dicendo, ndr) Vidal è in campo (solo per la prima frazione) nel Cile di Sanpaoli che travolge con un netto 5 a 0 la Bolivia, conquistando il primo posto nel raggruppamento A con 7 punti, 10 reti fatte e solo 3 subite.
Dapprima con Aranguiz e poi con il Nino Maravilla, Alexis Sanchez, la Roja chiude la pratica già nel primo tempo. Nel secondo tempo, poi, ancora l’attaccante dell’Internacional di Porto Alegre, l’interista Medel, e lo sfortunato Raldes, autore di un autogol, sanciscono la “manita” finale della formazione padrona di casa e organizzatrice della Copa America 2015.
Nonostante la pesante sconfitta, la Bolivia festeggia l’accesso ai quarti di finale come seconda forza del Girone A, grazie al successo dell’Ecuador, per 2 a 1, su un Messico davvero incolore nonostante la tonalità cromatica della sua bandiera, e fuori dalla Copa.
Il Tricolor di Quinteros piega 2-1 i messicani: decisive le reti di Bolanos e Valencia. Inutile il rigore di Jimenez (nel recupero Vuoso si “divora” la rete del possibile 2-2): la squadra di Herrera, presentatasi alla Copa America senza i suoi uomini migliori (tra tutti il “ChicharitoHernandez) esce mestamente e prematuramente dalla manifestazione.
L’Ecuador, invece, con grande orgoglio, resta ancora vivo. Ma per essere ripescato come una delle migliori terze (ha 3 punti e una differenza di -1, ndr), dovrà attendere l’esito delle gare degli altri gironi. Qualificazione difficile, ma non impossibile.

Speak Your Mind

*