Chelsea-Napoli, le ultime. Azzurri con i tre tenori Lavezzi-Hamsik-Cavani

Lavezzi-Hamsik-Cavani, il tridente pronto a far male al ChelseaQuasi 3000. Questa la stima, approssimativa, dei tifosi partenopei che, questa sera, saranno presenti nel bellissimo impianto londinese di Stamford Bridge, per tifare il Napoli, impegnato nel ritorno degli ottavi di Champions contro il Chelsea di Di Matteo, dapprima vice di Villas Boas e ora traghettatore dei Blues fino a fine stagione dopo l’esonero del portoghese.
Si ripartirà dal prezioso e spettacolare 3 a 1 conquistato dagli azzurri di Mazzarri nel match di andata, al San Paolo (Cavani e doppietta del Pocho Lavezzi dopo il punto iniziale degli inglesi, firmato da Mata) . Un risultato importante, un vantaggio da custodire gelosamente e da difendere contro la voglia di riscatto e d’impresa di Drogba e compagni, autori di una stagione non esaltante in Premier League (quinto posto attuale con 49 punti) e e chiamati, dunque, a non fallire il delicato e fondamentale appuntamento della Champions.
Passando alle formazioni, sono pochi i dubbi che tormentano Walter Mazzarri. Il tecnico toscano (che sarà in panchina grazie all’annullamento della sanzione disciplinare), manderà in campo l’undici migliore, con De Sanctis tra i pali, Cannavaro Campagnaro e Aronica in difesa, Inler e Gargano in mediana, in posizione centrale, con Zuniga e Maggio sulle corsie. In avanti il tridente magico composto dallo slovacco Hamsik a supporto dell’argentino Lavezzi e del matador uruguagio Edinson Cavani.
Il Chelsea di Di Matteo cercherà di rispondere con un 4-3-3 con Cech fra i pali, Ivanovic e Ashley Cole sulle corsie, Terry e David Luiz a completare la difesa. A centrocampo Lampard, Obi Mikel e Ramires saranno chiamati ad interdire e costruire per dare sostegno all’attacco formato da Mata e Sturridge a sostegno dell’ivoriano Drogba. Solo panchina per Fernando Torres, lontano ancora dalla migliore condizione, soprattutto “psicologica” (secondo quanto affermato da Di Matteo nei giorni scorsi).
Nell’altra sfida, il Real ospita il Cska di Mosca. All’andata, in terra russa, la gara si è chiusa sull’1 a 1, con i castillani per primi in vantaggio grazie al gol del solito Cristiano Ronaldo al 28′ del primo tempo. La supremazia di gioco mostrata dal Real non ha pero’ portato il secondo gol ed all’ultimo dei tre minuti di recupero Wernbloom ha trovato il pareggio. Stasera, al Bernabeu sarà tutt’altra gara e ci sono pochi dubbi sul fatto che a sorridere sarà l’undici di Mourinho, non credete?

Speak Your Mind

*