Chelsea eliminato, impresa Psg in 10 uomini. Sette schiaffi del Bayern allo Shakhtar

Thiago Silva regala l'impresa al PsgUn Psg eroico elimina in 10 uomini (rosso a Ibra alla mezzora) il Chelsea di Mourinho trovando ai supplementari la rete decisiva con Thiago Silva, dopo che i Blues erano tornati nuovamente avanti con il rigore di Hazard, e vola ai quarti di finale della Champions League (2 a 2 a Londra dopo l’1 a 1 del Parco dei Principi, ndr). Nell’altra sfida, invece, passeggiata del Bayern di Guardiola: dopo lo 0 a 0 in terra ucraina la gara dell’Allianz Arena finisce con un esagerato 7 a 0 dei tedeschi all’undici di Lucescu, in inferiorità numerica dopo pochi minuti.
Con un grande carattere (ammesso a fine gara anche da Mourinho) e l’uomo in meno per trequarti di match, il Psg di Blanc dapprima costringe ai supplementari il Chelsea con il colpo di testa di David Luiz e poi, ancora di testa, ma con l’altro centrale brasiliano, Thiago Silva, giustizia i Blues, regalando al popolo parigino una serata indimenticabile.
Gara al cardiopalmo a Stamford Bridge. Ibra si fa espellere alla mezzora (anche se la decisione di Kuipers, di estrarre il rosso diretto, è sembrata esagerata visto che l’intervento su Oscar è stato sicuramente irregolare ma non tale da escludere definitivamente dal match il fuoriclasse svedese) e il Chelsea vede spalancate le porte dei quarti di Champions, visto il vantaggio dell’uomo e l’1 a 1 ottenuto nella sfida di andata.
Ma i francesi non sono d’accordo e al 57’ creano una clamorosa palla-gol per passare: Cavani, lanciato sul filo del fuorigioco da Verratti, salta Courtois in uscita ma poi colpisce il palo interno, con la palla che schizza incredibilmente sul fondo dopo aver attraversato la linea di porta.
Il Chelsea si spaventa mentre i francesi sono sempre più spavaldi, grazie alla serata di grazia di Cavani e di Pastore, entrambi imprendibili. All’81’, però, il sogno dei francesi sembra frantumarsi: un tiro svirgolato da Diego Costa si tramuta in assist per Cahill che con un forte destro di controbalzo dai 12 mt insacca, lasciando di stucco Sirigu e compagni.
Sembra fatta, ma cinque minuti dopo il popolo londinese si ammutolisce quando, sul corner di Lavezzi, David Luiz stacca di testa e fulmina Courtois. 1 a 1 e supplementari che diventano realtà.
Nel periodo di overtime, a complicare ancora i piani di Blanc, al 96’, ci pensa Thiago Silva che, nel tentativo di anticipare Zouma, intercetta ingenuamente con una mano un pallone vagante in area. Inevitabile il rigore che Hazard trasforma con freddezza.
Il Chelsea è di nuovo ad un passo dai quarti, ma l’ex difensore milanista, si fa perdonare e, dopo aver costretto Courtois a una prodezza, riesce nell’intento al 113’: svetta più in alto di tutti su un angolo dalla sinistra di Thiago Motta e con un perfetto colpo di testa infila il pallone sotto la traversa gelando Stamford Bridge. Il Psg vola al turno successivo, il Chelsea è invece clamorosamente fuori agli ottavi.
Assieme al Psg avanza ai quarti di Champions anche il Bayern che, dopo lo 0-0 dell’andata, rifila un umiliante e storico 7-0 (eguagliato il record della vittoria più larga dei bavaresi in Champions: 7-0 al Basilea nel 2012) agli ucraini dello Shakhtar, in dieci dopo solamente 3 minuti a causa del rosso rimediato da Kucher, reo dell’atterramento in area di rigore di Gotze.
Dal dischetto Muller fa 1 a 0, inaugurando la festa dei bavaresi. Che prosegue con Boateng, il quale riprende la palla respinta corta da Pyatov sul tiro di Lewandowski, e la spedisce in fondo al sacco per il 2 a 0.
Si gioca a una porta solo e arriva così, inevitabilmente, il 3-0, siglato al 49’ da Ribery con uno splendido diagonale. Lo Shakhtar crolla e, 2 minuti più tardi, incassa anche il 4-0, ad opera di Muller che sfrutta un cross di Ribery.
La squadra di Lucescu manca il gol della bandiera con Luiz Adriano e, al 63’, finisce per incassare anche il 5-0, realizzato di testa da Badstuber. Nel finale arrivano altre due reti dei tedeschi, ed è festa per Lewandowski e Goetze che con un destro sul primo palo, su assist di Boateng, sigla il definitivo 7 a 0.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

13total visits,1visits today

Speak Your Mind

*