Catania-Roma secondo atto, tutto in 25 minuti. Le ultime sulle formazioni

Catania e Roma recuperano in Serie A25 minuti. Sono quelli che restano da giocare tra Catania e Roma, in campo questa sera al Massimino. La gara di campionato, sospesa il 14 gennaio scorso dall’arbitro Tagliavento per le avverse condizioni metereologiche (campo completamente inzuppatodalla pioggia e impraticabile) al 65′, sulla situazione di 1 a 1 (reti di Legrottaglie e De Rossi), si riprende alle ore 20.
Una mini-partita dal grandissimo peso specifico. In palio tre punti che, se conquistati dagli etnei, consentirebbero al team di Vincenzo Montella di poter staccare l’Atalanta e allontanarsi dalle zone basse della classifica. Invece, in caso di successo romanista, i ragazzi di Luis Enrique opererebbero un importante sorpasso sull’Inter (strapazzato con un poker nell’ultima domenica di Serie A), portandosi a pochi passi dalle posizioni che contano (a -2 dalla Lazio quarta e a -4 dall’Udinese terza).
E’ facile, dunque, pensare a due squadre che penseranno poco a centellinare le energie e imposteranno un’alta intensità in entrambe le fasi, cercando quella rete che, per evidenti motivi temporali, potrebbe rivelarsi decisiva ai fini della conquista dell’intera posta in palio. Per questo, passando alle formazioni,  ad una condotta battagliera, Montella dovrà affiancare uno schieramento tattico adeguato ai giocatori disponibili: un lavoro non facile, alla luce della presenza del solo Llama come esterno sinistro e della conseguente probabilità del cambio di modulo.
Il Catania, quindi, potrebbe scendere in campo contro la Roma con questa formazione: Kosicky tra i pali (al posto dell’infortunato Campagnolo), davanti a lui Potenza, Legrottaglie e Spolli, Izco e Llama tornanti, in mediana Lodi, Almiron e Barrientos con Gomez al fianco di Bergessio in attacco.
La Roma, invece, punta sulle statistiche (cinque delle 10 vittorie ottenute in Serie A quest’anno sono state ottenute con goals segnati nei primi minuti di gara) e sull’onda positiva del sontuoso poker inflitto all’Inter domenica scorsa. Totti e De Rossi, fulcri del gioco capitolino, sono stati sostituiti e quindi non saranno della gara, ma il tridente dall’età media di 20 anni e mezzo con Lamela, Bojan e un Borini in forma spettacolare fa ben sperare.
Pertanto Luis Enrique dovrebbe puntare sul 4-3-3 con Stekelenburg in porta, Rosi, Juan, Heinze e Taddei in difesa, Gago, Simplicio e Pjanic nella zona nevralgica, Lamela, Bojan, Borini tridente d’attacco.
L’arbitro sarà, naturalmente, il parrucchiere ternano Paolo Tagliavento, che continuerà la direzione della gara iniziata il 15 gennaio scorso.

Speak Your Mind

*