Brasile in finale. Paulinho stende l’Uruguay allo scadere

Paulinho stende l'UruguayIl Brasile scaccia via il fantasma del “Maracanazo” (l’amara sconfitta subita nel 1950 dal sorprendente Uruguay di Ghiggia e Schiaffino, ndr) e con la rete di Paulinho, realizzata nel finale di match, supera l’Uruguay 2 a 1 e vola in finale di Confederations Cup.
Alla Celeste di Tabarez, protagonista di una grande gara, non basta la prestazione super di Cavani, autore del momentaneo 1 a 1, in risposta al vantaggio verdeoro realizzato da Fred dopo la parata di Muslera su Neymar. Negli ultimi istanti di gara, infatti, il centrocampista del Corinthians, nel mirino di mezza Europa, firma di testa la vittoria e la qualificazione, alla finalissima, del Brasile.
Gara difficile per la compagine carioca fin dall’inizio. Si sapeva che sarebbe stata una sfida carica di tensioni e di ostacoli, per l’incubo vissuto in passato e per la qualità attuale del gruppo uruguagio e del tridente d’attacco schierato da Tabarez (CavaniSuarezForlan, ndr) e così è avvenuto. Al 14′ l’Uruguay si procura subito la super chance del vantaggio.
David Luiz trattiene Lugano, per l’arbitro è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Forlan che conclude forte e angolato ma Julio Cesar è strepitoso e con un tuffo sulla sua sinistra responge il tiro dell’ex Inter.
Scampato il pericolo il Brasile trova la verticalizzazione giusta per bucare la difesa della Celeste: Paulinho pesca Neymar che tenta il lob su Muslera in uscita, l’ex Lazio respinge la minaccia con un grande intervento ma sulla ribattuta arriva Fred che, con una conclusione sporca, insacca.
In avvio di ripresa un bellissimo Uruguay, deciso a non mollare, si rianima e colpisce. Ci pensa Cavani, con il mancino, a bucare Julio Cesar e a regalare il pareggio alla compagine di Tabarez. Prima rete in Confederations Cup 2013 per il matador partenopeo.
Ancora Cavani è pericolosissimo, ma Gustavo è decisivo nella deviazione che salva Julio Cesar ormai fuori causa. L’Uruguay mette i brividi al Brasile ma non finalizza e all’86’ capitola: angolo pennellato da Neymar, Paulinho si libera della marcatura di Caceres e trafigge Muslera di testa. Pentacampeones in finale, con un pizzico di fortuna, Uruguay punito nonostante una grande gara.

Speak Your Mind

*