Brasile, amichevole: Menezes parte col piede giusto. Show Pato-Neymar, strapazzati gli Usa

Mentre un ko, rimediato in amichevole a Londra contro la Costa d’Avorio, ha segnato l’inizio dell’avventura di Cesare Prandelli sulla panchina dell’Italia, il Brasile di Menezes, tecnico chiamato a sostituire Dunga (dopo il no della Fluminense alla Federcalcio brasiliana che aveva scelto in prima istanza Ramalho per guidare i verdeoro),  inaugura il nuovo corso con una bella e convincente vittoria. Vittima sacrificale gli Usa, sconfitti dalla formazione sudamericana per 2 a 0.
Incantati i 78mila del Meadowlands Stadium (impianto nuovo di zecca, a pochi passi dalla capitale statunitense). Stupiti da una squadra a trazione anteriore, leggera e piena di fantasia. Da un team, quello carioca, che mostra (finalmente) un Pato ritrovato e che si è trovato alla grande nel tridente completato dal baby Neymar e da Robinho (tra i più positivi in Sudafrica nonostante il flop dell’undici di Dunga).
Bene dunque Mano Menezes all’esordio, bene il centravanti rossonero che, smaltiti i guai fisici, ritrova il sorriso e il goal. Suo il raddoppio al 45′ che manda al tappeto gli americani, già piegati intorno alla mezz’ora dal guizzo del giovane Neymar, 22enne talentuoso attaccante del Santos.
Soddisfatto il tecnico, felice anche un altro dei protagonisti nel nuovo Brasile, l’altro milanista Thiago Silva: “E’ iniziata molto bene questa avventura – sostiene il centrale del Milan – questa è una squadra molto tecnica con giovani interessantissimi”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*