Bosnia-Portogallo a reti bianche. L’Irlanda del Trap cala il poker in Estonia, la Croazia si vendica

Euro 2012, Poker dell'Irlanda a casa dell'Estonia e discorso qualificazione chiusoIl gatto è nel sacco. 4 a 0 all’Estonia, a Le Coq Arena, e Irlanda con un piede e mezzo a Euro 2012. Grande gioia per il Trap, protagonista alla vigilia con la solita pirotecnica e divertente conferenza stampa, ma soprattutto in campo con la sua nazionale che spazza via i baltici e conquista il pass per i campionati di PoloniaUcraina del prossimo anno.
Estonia troppo fragile e che cade sotto i colpi di un Keane devastante (doppietta per l’esperto attaccante dal passato interista), mentre le altre reti, che decidono il 4 a 0 finale, portano la firma di Andrews (autore dell’1 a 0 su invito del talentuoso McGeady) e Walters, con la nazionale estone ridotta in dieci uomini, nel prosieguo del match, a causa dell’espulsione rimediata da Stepanov.
Si spalancano, dunque, le porte di Euro 2012 per l’Irlanda e nessun “mani” (il riferimento è ad Henry e al furto francese nel match che ha deciso l’immeritata eliminazione degli irlandesi e l’accesso dei galletti al Mondiale sudafricano), questa volta, potrà combinare brutti scherzi al tecnico milanese.
Se il Trap si prende una dolce rivincita, non meno gustosa è la vendetta croata. I ragazzi di Slaven Bilic, infatti, travolgono con un rotondo 3 a 0 la Turchia del “santone” olandese Guus Hiddink, alla Türk Telekom Arena, e ipotecano la qualificazione ad Euro 2012, prendendosi una rivincita “attesa tre anni” (per usare l’espressione utilizzata dal tecnico croato). Ancora c’è il ritorno, in programma la prossima settimana a Zagabria, ma questa volta lo sbarco in Polonia-Ucraina della nazionale biancorossa. dovrebbe essere al sicuro, grazie alle reti di Olic, Mandzukic e Corluka che hanno regalato il felice tris ieri sera.
Terza vittoria della serata è quella conquistata dalla Repubblica Ceca, nel match di andata dello spareggio con il Montenegro. Alla “Generali Arena” i ragazzi di Michal Bílek si aggiudicano i primi novanta minuti grazie alle reti di Pilar, al 63′, e di Sivok, su assist di Rosicky, allo scadere di un match condotto dalla formazione ceca. Vucinic e compagni cadono e, per rialzarsi, dovranno tentare il tutto e per tutto in casa il prossimo martedì. Complicato.
La chiusura è per il Portogallo che non trova il bandolo della matassa in Bosnia e lo 0 a 0 della serata di ieri rimanda tutto alla gara di ritorno in terra lusitana. Dzeko non trova l’acuto giusto, neanche Ronaldo che s’impantana sul campo bosniaco e porta a casa solamente una salve incredibile di fischi, a causa del “gestaccio” con il quale aveva risposto ai sostenitori avversari che, all’aeroporto, lo avevano accolto al grido “Messi, Messi!“.

I risultati e marcatori dell’andata dei playoff per Euro 2012:
Bosnia Erzegovina – Portogallo 0-0
Estonia – Irlanda 0-4 (Andrews, Walters, Keane, rig.Keane)
Repubblica Ceca – Montenegro 2-0 (Pilar, Sivok)
Turchia – Croazia 0-3 (Olic, Mandzukic, Corluka)

Speak Your Mind

*