Benatia firma la vittoria della Juventus. Schick spreca la chance del pari

Benatia manda ko la RomaL’ex giallorosso Mehdi Benatia firma la vittoria della Juventus, nel big match dello Stadium che ha chiuso la 18^ giornata di Serie A, quella che anticipa il Santo Natale. La Roma cade nel tempio bianconero nonostante una grande seconda parte di match e l’occasionissima avuta al 93′, e fallita clamorosamente da Schick.
E’ stata una battaglia, dai toni agonistici elevati e dalla grande voglia di entrambe di far loro la posta in palio. Ma la maggiore fame e “cattiveria” (sempre agonistica) della Juventus per 70 minuti in controllo della gara e più volte vicina al raddoppio, ha determinato l’esito vittorioso per i ragazzi di Allegri, tornati a -1 dal Napoli capolista.
Partenza a razzo della Juventus che, dopo aver sprecato una chance con Khedira, trova il vantaggio al 18′. Sugli sviluppi di corner Alisson respinge miracolosamente due volte, dapprima su Chiellini poi su Benatia che colpisce la traversa e poi ribatte in rete. Gol viziato, però, dal fallo di Benatia che “fa blocco” su Fazio impedendogli d’intervenire difensivamente su Chiellini.
La Roma potrebbe pareggiare i conti al 26′. Perotti scappa via sulla corsia di sinistra e serve El Shaarawy in area, conclusione d’incontro del “Faraone” ma risposta decisiva di Szczesny che poi blocca la sfera salvando la porta bianconera dalla capitolazione. All’intervallo bianconeri avanti.
Si riparte ed è un assalto della Juventus, decisa a trovare il gol del raddoppio. Khedira serve una palla d’oro a centro area per Higuain che però spreca mandando alto ad Alisson ormai battuto.
Juventus scatenata nel pressing e nella foga agonistica, tanto che la Roma fatica davvero a reagire.
Mandzukic trova Matuidi in area, il tocco verso la porta viene respinto da Alisson d’istinto. Il portiere poi è salvato ancora dall’imprecisione di Higuain che non trova lo specchio fallendo un’altra chance importante per il raddoppio bianconero.
La Juventus non la chiue e allora la Roma si rianima sfiorando il pari con Dzeko. L’errore difensivo di Chiellini regala la sfera al bosniaco che spara un missile, alto però sulla porta difesa dall’ex romanista, Szczesny.
Incredibile, poi, a 10 minuti dalla fine, la topica in area dei bianconeri: la palla arriva a Florenzi che la devia verso la porta. Szczesny è superato ma la sfera colpisce in pieno la traversa per poi tornare verso il centro dell’area ma non sui piedi di Florenzi che era pronto al tap-in vincente. Pazzesco.
Ma è ancor più clamoroso quello che capita al 94′, nell’ultimo assalto giallorosso alla porta bianconera, dopo la traversa colpita da un altro ex del match, Miralem Pjanic. Pasticcio difensivo BenatiaChiellini, la palla la prende Schick che s’invola verso Szczesny. L’attaccante ceco conclude rasoterra (dritto per dritto invece di sterzare per avere maggiore visuale della porta) e il portiere polacco respinge facendo calare i titoli di coda sul match. Vince la Juve 1 a 0.

Speak Your Mind

*