Barca e Psg avanti tutta, fuori City e Leverkusen. Messi a 67 gol in Champions, superato Raul

Messi trascina il Barca in ChampionsNessuna sorpresa nei due ottavi di ritorno della Champions League 2013-2014, che si sono disputati ieri sera. Il Barcellona del “TataMartino supera il Manchester City 2 a 1 al Camp Nou e, grazie alla vittoria dell’andata ottenuta per 2 a 0 all’Etihad, si sbarazza della compagine inglese e vola nei quarti di finale della prestigiosa competizione continentale. Tra le prime otto d’Europa anche il Psg di Laurent Blanc, vittorioso con il medesimo punteggio contro il Bayer Leverkusen, punito già sonoramente, per 4 a 0, alla BayArena.
I catalani e i parigini raggiungono dunque l’Atletico Madrid e il Bayern Monaco nei quarti di finale. Nel tempio blaugrana show di Messi, tornato ad ottimi livelli e autore della sua 67^ rete in carriera in Champions League (una in più del super bomber del Real Madrid, Raul Gonzales Blanco).
Dopo un primo tempo dominato dagli errori dell’arbitro francese Lannoy che non convalida una rete regolare al Barcellona e poi nega un rigore sempre alla squadra di Martino (fallo evidente su Messi, ndr), la pulce argentina dapprima colpisce un palo clamoroso al termine di un’azione tambureggiante, poi firma l’1 a 0, grazie ad un pregevole “cucchiaio” in area ai danni del portiere inglese Hart.
Il City reagisce e trova il pari di Kompany ma nel finale la festa blaugrana, già iniziata da tempo, si realizza compiutamente con il gol della vittoria, firmato da Dani Alves. Barcellona avanti con merito (4 a 1 nell’aggregate), City fuori in maniera anche piuttosto deludente, soprattutto per la gara timorosa giocata all’andata.
Al Parco dei Principi, invece, il Leverkusen, dopo il 4 a 0 subito in casa all’andata è già con le valigie, pronto ad abbandonare la Champions, ma non prima di aver dato filo da torcere a Ibra e compagni. Dei tedeschi, infatti, è l’1 a 0 a sorpresa, realizzato da Sam nei primi istanti di match.
Il Psg, colpito a freddo, non fatica però a reagire a trovare il pari grazie all’incornata dell’ex romanista, Marquinhos. Altra occasione importante, per il Leverkusen al 13′: infatti Rolfes, dal dischetto, ha la chance del 2 a 1 ma si fa ipnotizzare da Sirigu che respinge la conclusione del centrocampista teutonico.
E così, nella ripresa, il Psg piazza la zampata finale che suggella la qualificazione, meritata, dei francesi. Giornata non positiva per Ibra, rimasto a secco e sostituito, sorride invece il Pocho Lavezzi, autore del 2 a 1 che chiude i giochi. Psg Avanti, fuori il Bayer Leverkusen, senza particolari rimpianti.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

13total visits,1visits today

Speak Your Mind

*