Baptista saluta la Roma. Accordo raggiunto tra la Bestia e il Malaga

Julio Baptista saluta la Serie A e la Roma e si prepara a riabbracciare la Spagna, destinazione Malaga. Un’operazione, questa, che potrebbe accelerare l’arrivo al suo posto dello svizzero Behrami dal West Ham.
Dopo due anni e mezzo trascorsi nella capitale, sulla sponda giallorossa del Tevere, l’avventura della “Bestia” (questo il suo soprannome quando era tesserato per il Siviglia), ultimo acquisto del compianto Franco Sensi, è arrivata al suo epilogo. Infatti, nella giornata di ieri, il calciatore brasiliano si è recato nel quartier generale di Trigo­ria e ha salutato lo staff ed i compagni per l’ultima volta.
Arrivato in giallorosso il 20 agosto del 2008 (tre giorni prima della morte del presidente romanista) dal Real Madrid (per circa dieci milioni di euro), il 29enne di San Paolo debutta con la maglia dei lupacchiotti 4 giorni dopo, nella finale della Supercoppa Italiana, andando a segno ai calci di rigore contro l’Inter.
La prima stagione, estremamente positiva, si concluderà con 11 goals totali (9 in Serie A e 2 in Champions), tra i quali quello segnato alla Lazio nel derby capitolino e che ha valso la vittoria alla squadra giallorossa. Dopo la prima annata, però, e progressivamente con il passare del tempo, questo mastodontico centrocampista ha faticato a trovare il posto in squadra, finendo spesso e volentieri in panchina, sopravanzato nelle gerarchie anche dal giovane Okaka.
La mancanza di spazio nell’undici di mister Ranieri e di presenze in Serie A ha, dunque, spinto il giocatore ad accettare il ritorno in Spagna, sponda Malaga, ma l’ufficializzazione della cessione sarà data all’inizio della prossima settimana (ci sono ancora alcuni dettagli da limare). Ecco il commiato di Julio Baptista dalla Roma: “Da un lato sono un po’ triste, perché nel­l’ultimo anno per una serie di circostanze ne­gative non sono riuscito a dare il meglio di me. E questo mi dispiace, perché ho sempre cercato di aiutare la squadra. Di Roma non dimenticherò gli amici che lascio, la bellezza di una cit­tà straordinaria, dove ho vissuto felice, Ora però penso al Malaga, ad un progetto serio ed ambizioso“. In bocca al lupo, allora, Julio.

Speak Your Mind

*