Atletico in Semifinale dopo 40 anni, matato il Barca. Il Chelsea rimonta e sbatte fuori il Psg

Koke regala all'Atletico una gioia attesa 40 anniGrazie ad una prestazione super e alla rete, decisiva, di Koke (prima in Europa per l’attaccante madrileno, ndr) l’Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone mata un opaco Barcellona e torna in semifinale di Champions, cosa che non accadeva addirittura da 40 anni.
Nell’altra sfida, che ha chiuso il ritorno dei quarti di finale, successo all’inglese – è proprio il caso di dirlo – con il Chelsea che sbatte fuori il Psg e vola al turno successivo grazie alle reti di Schurrle e Demba Ba, decisive per rimontare il 3 a 1 patito, all’andata, al Parco dei Principi.
Grande festa al Vicente Calderon. i Colchoneros la spuntano nel doppio confronto con il Barcellona del Tata Martino e gioiscono per la qualificazione alla semifinale della Champions League. Passaggio del turno meritato quello dei “materassai” di mister Simeone che, dopo aver impattato 1 a 1 al Camp Nou (rete dell’ex Juve, Diego) superano di misura i catalani nell’inferno del Calderon grazie alla firma di Koke.
Oltre al gol, messo a segno nel primo tempo dai madrileni, a legittimare la vittoria ci sono anche i tre legni colpiti sempre nella prima frazione (due dall’ex di turno, David Villa, autore di una gara super, ndr) e tante altre occasioni ma, soprattutto, una prestazione incredibile per determinazione, intensità di gioco e voglia. Barcellona scuro come la prestazione della sua stella per eccellenza, Leo Messi, oscurato brillantemente dai difensori dell’Atletico Madrid.
A Stamford Bridge, invece, brilla luminosa la stella dei Blues che, dopo essere caduti al Parco Dei Principi per 3 a 1 si riscattano tra le mura amiche e, con il 2 a 0 finale, strappano la qualificazione in Champions ai francesi di Laurent Blanc.
Si fa male Hazard nei primi minuti, sembra una tegola per i londinesi e invece Schurrle, inserito da Mourinho al posto del fuoriclasse belga, ha un impatto devastante sul match, con giocate di livello eccezionale e il gol dell’1 a 0. Il Chelsea insiste e gioisce, nel finale, dopo aver rischiato in alcune circostanze (occasione ghiottissima fallita dal matador Cavani): è Demba Ba, altro cambio azzeccato di Mou, a siglare il 2 a 0 che vale la qualificazione, con una zampata in area di rigore. Mou, mai scontato, se la ride nel post-gara con la battuta sul “c…” per le scelte operate ma intanto gongola, così come il Chelsea, amarezza (tanta) in casa Psg e lecca lecca al fiele per Blanc.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*