Argentina avanti come prima. Uruguay e Paraguay si spartiscono la posta

Argentina prima con Higuain, Paraguay secondoUna rete del “Pipita” Higuain, realizzata nei primi minuti di gara, regala all’Argentina il successo contro la Giamaica, e la qualificazione ai quarti della Copa America come prima forza del Girone B con 7 punti. Seconda piazza al Paraguay, che impatta 1 a 1 contro la Celeste di Tabarez, e chiude a 5 punti, ma festeggia anche l’Uruguay, che usufruisce del ripescaggio grazie al punticino ottenuto nel “biscotto” in salsa sudamerica.
Un gol nel primi minuti e Messi e compagni guadagnano la seconda vittoria su tre gare disputate in Copa America e il primo posto nel raggruppamento. Il momento che decide la gara arriva al 10′: Di Maria regala un assist perfetto a Higuain che poi batte il portiere giamaicano Dwayne Miller con un rasoterra all’angolino.
Di reti non ne vedremo più, ma di occasioni a bizzeffe. Anche nella prima frazione, sia il terzino del City, Zabaleta che la Pulce blaugrana, Lionel Messi, con una conclusione dalla lunga distanza, vanno vicini al punto del 2 a 0.
Nella ripresa, ancora Argentina ad un passo dal gol, contro una Giamaica già con le valigie in mano. Traversa clamorosa colpita dallo scatenato Di Maria, respinta miracolosa di Miller su Messi che resta così a bocca asciutta.
Finisce 1 a 0, il minimo scarto per il massimo risultato, ovvero il primo posto nel Girone. A commentare ci pensa l’Apache, Carlitos Tevez: “Dobbiamo lavorare per cercare la nostra forma migliore in vista dei quarti di finale. Dobbiamo crescere, perché chi perde da adesso va a casa“.
Nell’altra sfida, come da previsioni e da precedenti, la gara tra Uruguay e Paraguay, la sfida tra Tabarez e Diaz, si è conclusa in parità, e l’1 a 1 finale regala il pass a tutte e due le formazioni. Il Paraguay si qualifica come seconda, alle spalle dell’Argentina, con 5 punti, mentre la Celeste entra nei quarti grazie ai 4 punti e alla formula del ripescaggio.
Con un Cavani in ombra e un Hernandez in crisi (dopo l’annata nera all’Hull conclusa con la retrocessione), è stato un difensore a regalare il momentaneo sorpasso all’Uruguay. Al 29′ il centrale dell’Atletico, Gimenez, salta in cielo su angolo dalla destra di Sanchez, sovrasta Da Silva e con un colpo di testa realizza l’1 a 0.
Il Paraguay barcolla ma non cade. Infatti, al 44’ Gimenez, dopo essere stato protagonista positivo nel gol del vantaggio, s’addormenta e Barrios sempre di testa fa pari su corner di Benitez. Barrios, girovago di 190 cm: 12 club diversi di 3 continenti in 12 anni di carriera.
Nella ripresa è grande lotta, anche se le occasioni latitano. L’Uruguay aggredisce e vacilla in difesa, Stuani sbaglia ancora a tu per tu con Villar, l’Albirroja resiste, sfiora il 2-1 in recupero con Derlis Gonzalez e porta a casa il pari che vale il secondo posto. Con 4 punti, l’Uruguay ripescato se la vedrà con il Cile.

Speak Your Mind

*