Anticipo: Chievo-Roma 2-2. Super Simplicio non basta, il “Diablo” Granoche stoppa i giallorossi

Ancora due punti persi per la Roma che, in vantaggio per 2 a 0 al Bentegodi (su un terreno di gioco adatto solamente per la “lotta sul fango”) a fine primo tempo, nell’anticipo pomeridiano della 15° giornata di Serie A, subisce la rimonta dei ragazzi di Pioli che conquistano un punto prezioso e insperato. Taddei non si accorge che sta effettuando la rimessa laterale in campo, al 38′ della ripresa, l’arbitro Rizzoli fischia il controfallo e sugli sviluppi dell’azione il “DiabloGranoche fulmina Julio Sergio firmando il 2 a 2 finale.
Chievo timoroso e in sofferenza ad inizio gara, Roma vivace, con Adriano-Vucinic in avanti (prima da titolare per l’ex Imperatore) a far male, mentre il tridente Totti-Borriello-Menez soffre in panchina. Dopo un paio di occasioni sciupate, i giallorossi sbloccano il risultato: Simplicio “pizzica” la palla a Rigoni e poi in girata la deposita in rete, anticipando l’intervento di Sorrentino.
A fine primo tempo, la Roma passa ancora, sfruttando le amnesie difensive dell’undici di Pioli. E sempre con l’ex rosanero Fabio Simplicio che, sul cross rasoterra di Cassetti, brucia la difesa gialloblu e anche il portiere clivense, firmando il risultato momentaneo di 2 a 0. Palla che sbatte sul palo e poi finisce in fondo al sacco.
Nella ripresa, però, un Chievo più determinato mette sotto la Roma e recupera il risultato. Il gol che riapre l’incontro è un “regalo” di Julio Sergio. Paperissima del portiere brasiliano che, sul tiro non irresistibile di Moscardelli, si fa trovare impreparato.
Il due a due finale, invece, nasce da un controfallo laterale. Taddei batte la rimessa, in zona d’attacco della Roma, un metro dentro il campo, ingannato dai resti di una riga del campo da rugby. Il Chievo rilancia veloce e con Granoche, imbeccato da Bogliacino, sigla il punto della definitiva rimonta.
Al 40′ un nervoso De Rossi commette un brutto fallo e viene espulso (rischia di saltare, in caso di due giornate di squalifica, la sfida di Serie A col Milan del 18) dal fischietto bolognese Rizzoli. In dieci, la Roma soffre la grande vivacità dei “Mussi” e rischia di cadere per la terza volta. Serve una parata d’istinto di Julio Sergio e il salvataggio sulla linea di un grande Mexes per evitare la sconfitta. Ma sarebbe stato veramente troppo.

IL TABELLINO DELL’ANTICIPO DI SERIE A
CHIEVO VERONA-ROMA 2-2
CHIEVO (4-3-1-2):
Sorrentino: Frey, Andreolli, Cesar, Mantovani; Fernades (34’st Bogliacino), Rigoni, Marcolini (15’st Granoche); Costant; Pellissier, Moscardelli. A disp. Squizzi, Sardo, Mandelli, Guana, De Paola. All. Pioli.
ROMA (4-3-1-2): Julio Sergio; Cassetti, Mexes, N. Burdisso, Castellini; Brighi, De Rossi, Greco (16’st Taddei); Simplicio (40’st Menez); Adriano (33’st Borriello), Vucinic. A disp. Lobont, Cicinho, Pizarro, Totti. All. Ranieri.
ARBITRO: Rizzoli di Bologna.
MARCATORI:26’pt, 44’pt Simplicio (R), 16’st Moscardelli, 38’st Granoche (CV).
ESPULSO: De Rossi (R) per comportamento scorretto.

Speak Your Mind

*